Era de maggio

Era de maggio e te cadéano ‘nzino,
a schiocche a schiocche, li ccerase rosse…
Fresca era ll’aria…e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciento passe…
Era de maggio, io no, nun mme ne scordo,
na canzone cantávamo a doje voce…
Cchiù tiempo passa e cchiù mme n’allicordo,
fresca era ll’aria e la canzona doce…
E diceva: “Core, core!
core mio, luntano vaje,
tu mme lasse, io conto ll’ore…
chisà quanno turnarraje!”
Rispunnev’io: “Turnarraggio
quanno tornano li rrose…
si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá…
Si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá.”

E só’ turnato e mo, comm’a na vota,
cantammo ‘nzieme lu mutivo antico;
passa lu tiempo e lu munno s’avota,
ma ‘ammore vero no, nun vota vico…
De te, bellezza mia, mme ‘nnammuraje,
si t’allicuorde, ‘nnanz’a la funtana:
Ll’acqua, llá dinto, nun se sécca maje,
e ferita d’ammore nun se sana…

Nun se sana: ca sanata,
si se fosse, gioja mia,
‘mmiez’a st’aria ‘mbarzamata,
a guardarte io nun starría !
E te dico: “Core, core!
core mio, turnato io só…
Torna maggio e torna ‘ammore:
fa’ de me chello che vuó!
Torna maggio e torna ‘ammore:
fa’ de me chello che vuó ”

SALVATORE DI GIACOMO

Annunci

Adesso che ritardo chiedi all’alba

Disturbo arreca quel vocìo di notte
quando tu credi d’essere del sonno.

È l’ultima città ch’ancor non dorme,
meteore di carne parcheggiate
solo ad un metro dal Casino Royal,
sul marciapiede che si fa teatro.

T’affacci sul terrazzo della luna
e questa volta gli occhi vanno giù,
canotte bianche a scoprir tatuaggi,
vuoti di birra in bilico sui bordi.

Ritorni a letto quasi barcollando
sperando ancora nell’accesso ai sogni
ma sogno nel frattempo é l’incontro
con i vent’anni che non van dispersi,

con l’afa d’oltre mezzanotte al Sud,
fette d’anguria enormi tra le mani,
il blu del mar ch’aspetti di vedere
assieme a labbra a colorar mattini.

E quindi del dormir poco t’importa
adesso che ritardo chiedi all’alba.

Aurelio Zucchi

Viaggi direzionali

Ecco la vela,
la serratura da cui posso salpare.
La brezza mi elabora
evacuandomi
da incertezze precarie,
dall’aria tesa e rarefatta
molto spesso taciute
da inutili ossimori troppo dettagliati
-quasi coerenti nella loro sinonimia-.
In apparenza
lancio al futuro prossimo
passati da resettare
(s’intende… per pura passione)
irrompendo di parole protette
la culla delle molteplici direzioni.

Glò

Published in: on marzo 18, 2012 at 07:17  Comments (4)  
Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Amore spaventato

Giovane amore
non ti spaventare
se dico che ti amo.
L’ amore mio
non è fatto di fuoco
è dolce, tenero,
fatto di colori
di aurore e tramonti
di profumi di bosco
di carezze sognate
di abbracci infiniti.

Non è passione
che travolge il cuore,
non è bufera
che tutto porta via,
è un sospiro
che fiamma di candela fa vibrare,
è una soffusa melodia
che addolcisce l’aria
quando il freddo
vorrebbe raggelare il cuore.

Elide Colombo

Pane quotidiano

Prime Luci di
un’altra alba
si poggiano
su nuvole grigie
disegnate dal vento
portando pane caldo
a facce sconosciute
senza buongiorno
briciole cadono
su una tavola di asfalto
che apparecchio inconsapevole
a passeri che mi seguono
nel volo del mattino

intanto…………
piove
e fino a che pioverà
mi asciugherò
lacrime di pioggia

Pierluigi Ciolini

Published in: on marzo 18, 2012 at 06:52  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , , , , , ,