Sovrappensiero

 
 
Ho toccato
il punto più rosso
del tramonto,
là dove il cielo
incontra la terra
ed ho visitato
molte delle stelle
che si vedono
nelle notti non elettriche
di un piccolo paese
ed ho assaggiato
la parte alta delle nuvole
quella che si tinge
dell’azzurro profumo d’infinito
ed un giorno
non riuscirò a tornare,
spero
 di non voler tornare
e resterà di me
solo un guscio vuoto,
mentre volerò libero
con i miei sogni.

Gian Luca Sechi

Published in: on marzo 21, 2012 at 07:47  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2012/03/21/sovrappensiero/trackback/

RSS feed for comments on this post.

5 commentiLascia un commento

  1. Molto ben congegnata. Veramente un’immaginazione vivissima. Hai descritto anche le tempeste magnetiche,
    forse senza volerlo. Dopo aver viaitato molte stelle,
    speri di non voler tornare. Hai descritto, forse senza
    volerlo, la reincarnazione. Volare libero con i tuoi sogni.

    • Errata corrige: “visitato” anziché viaitato.

  2. Quanto aspetto quel momento ,caro!Raccontato benissimo.tinti

  3. Hai descritto così dolce quel passaggio che ci hai invogliato… ma cara Tinti abbiamo tanto da fare quì,e credo anche tu Gian Luca, bellissima la poesia ciao Rosy

  4. Viaggiare oltre la vita dipingendo con grande emozione le bellezze che la vita e la natura ci offrono. Bellissima
    Patrizia


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: