Il nuovo avanza

Cambiamento lento
impercettibile nell’aria
l’araldo silenzioso del tempo
sfoglia calendario e pelle
così ci ritroviamo più maturi
qualche ruga nascosta
qualche capello bianco
sulle tempie segnate dagli affanni
eppure dentro, nel profondo
cosa è cambiato?
Il cuore magico tamburo
annuisce la melodiosa marcia
ad ascoltarlo si rimane rapiti
come se l’eco del cielo
suonasse nelle vene
l’antica  musica del vero Amore
mai passata di moda.
Oggi voglio restare così
in punta di piedi
sospesa alle ciglia celesti
di un amorevole Padre
che continua a portarmi in braccio,
mentre forte ruggisce il vento di tempesta.

Roberta Bagnoli

Annunci

Né miele né ape

Non mi pare di sfiorare il cielo.

Non so che stabilire:
due in me sono i pensieri.

… coloro che ricevono
il mio bene, sono quelli che
più di tutti mi danneggiano.

Io ne sono consapevole.

Ma non sono una che porta risentimento,
poiché possiedo un attimo tranquillo…

Nel mio dolore che stilla
goccia a goccia.
Chi mi rimprovera i venti e gli affanni
possano trascinarselo.

Per me né miele né ape.

SAFFO

Published in: on marzo 22, 2012 at 07:15  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , , ,

Millenovecentoquarantaquattro

Una luna spaventosa già allarga la sua gonna:
fanno del tango lassù, miei cari.
I cedri malandati
si mangiano le foglie per troppa ombra in cuore;
le case si sputazzano luce, l’una all’altra
come alle mani fa l’uomo al campo
il vangatore.
O quello con la lampada in testa, in qualche buco
prima del puzzo che dice morte
prima ancora, d’aver pensato a un metro di terra
per suoi ossi.
Dite ai bambini di ritornare a casa
minestre fredde ancora per cena
acqua e vino.
Le donne si consumano gli occhi sopra i panni
coperte doppie per la nottata
e l’orinale, ch’è sempre da svuotare
per dio! Si faccia presto.

Massimo Botturi

Antico borgo

Arroccato sopra un colle
Maestoso appari
Cinto da massicce mura antiche
Incorporate nella roccia
Celato in parte tra sempreverdi
E alberi in fiore
Ti riveli al mondo
Attraverso una stretta via
come un serpente ti avvolge
ti protegge dalle folle curiose
bramosi di calpestare
il tuo suolo senza tempo.
Esplorare cunicoli
assaporare il passato
rivivere epoche lontane
anch’io come loro ti voglio toccare
accarezzare quelle pietre
imprimere nella mente la storia
respirare l’aria di saggezza che ti circonda
vedere le bellezze più nascoste
far si che il mio sguardo sia sazio
così la mente e il cuore

Gianna Faraon

Albe dipinte

 
albe dipinte d’amore
che sanno di vita
tramonti rubini
che sanno di altrove
di eterno silenzio
.
vedrò quel tempo
che abbraccerà
e albe e tramonti
e allora
mi  sentirò libero
nei loro spazi
.
sempre con te

Gavino Puggioni

Published in: on marzo 22, 2012 at 07:00  Comments (5)  
Tags: , , , , , ,