Né miele né ape

Non mi pare di sfiorare il cielo.

Non so che stabilire:
due in me sono i pensieri.

… coloro che ricevono
il mio bene, sono quelli che
più di tutti mi danneggiano.

Io ne sono consapevole.

Ma non sono una che porta risentimento,
poiché possiedo un attimo tranquillo…

Nel mio dolore che stilla
goccia a goccia.
Chi mi rimprovera i venti e gli affanni
possano trascinarselo.

Per me né miele né ape.

SAFFO

Published in: on marzo 22, 2012 at 07:15  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2012/03/22/notturni/trackback/

RSS feed for comments on this post.

5 commentiLascia un commento

  1. Un concetto delicato,

    “… coloro che ricevono
    il mio bene, sono quelli che
    più di tutti mi danneggiano.

    Io ne sono consapevole.” dolce la poesia Rosy

  2. Mi ritrovo appieno nel commento di Rosy.tinti

  3. Molto profonda. È sempre attuale
    Fa riflettere.

    Giuseppe

  4. Bellissima poesia, molto profonda
    Patrizia

  5. quando leggo Saffo,ritrovo sempre il sublime…

    “Per me né miele né ape.”


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: