La china

DIE HALDE

Neben mir lebst du, gleich mir:
als ein Stein
in der eingesunkenen Wange der Nacht.

O diese Halde, Geliebte,
wo wir pausenlos rollen,
wir Steine, von Rinnsal zu Rinnsal.
Runder von Mal zu Mal.
Ähnlicher. Fremder.

O dieses trunkene Aug,
das hier umherirrt wie wir
und uns zuweilen
staunend in eins anschaut.

§

Tu vivi presso di me, uguale a me:
come un sasso
nella guancia scavata della notte.

Oh questa china, amore,
dove senza posa, pei rigagnoli,
come sassi,
rotoliamo.
Più e più rotondi.
Più simili. Più estranei.

Oh quest’occhio ebbro,
che in questi stessi luoghi va errando
e su di noi insieme posa
talvolta lo sguardo
e si stupisce.

PAUL CELAN

Annunci
Published in: on marzo 27, 2012 at 07:33  Comments (4)  
Tags: , , , , , , , , ,

Innamorarsi e non morire

Alle nuvole, mai!
Di notte non mi fido…
sarà perché sono segrete,
sarà perché non gli do forme:
un cesto di fiori, una sorgente,
un tulipano dal caule strambo,
un viso tra i tanti preferiti.

Affida alle stelle
(se stelle ci sono)
il bell’esistere nella propizia notte,
il suono assolto del tuo ti amo,
lo scoppio magico del suo ti amo.

L’eco dell’eco scombinerà la Terra,
stazionerà su chiome d’uliveti e peschi,
farà il solletico a una chitarra spenta,
di rose dormienti alzerà il pelo.

Specchia nel mare
(il mare c’è sempre)
fronte, profilo e cuore dell’amore
ed in certe ore che ora tu non vedi
andrai a cercarlo tra le prime onde!

Innamorarsi e non morire…

Scopiazzerai l’inimitata luna.
Dissolve lei la falce e il cerchio
dando un segnale d’ultimo addio
ma già domani è su, rinata.

Aurelio Zucchi

Una cattedrale nel mio cuore

 Cattedrale
 
 
Ho costruito per te
una cattedrale nel mio cuore,
una cattedrale senza ceri
ma con i tuoi occhi
ad illuminarmi il cammino,
senza Santi ma con il tuo cuore
a farmi del bene,
senza voti
ma con le tue mani
per costruire le ore di tutti i miei giorni.
.
Ho costruito per te
una cattedrale nel mio cuore,
senza cori
ma con la tua voce
a ricordarmi ancora quanto amore
si può dare ed avere
dagli occhi dalle mani,
dalla voce dal sudore dal sangue
dal petto e dal ventre,
Madre.

Maria Attanasio

Published in: on marzo 27, 2012 at 07:18  Comments (11)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Traversata notturna

Lo sciabordìo del mare
scandisce i nostri pensieri,

il vento li trasforma
in sussurri senza parole.

I tuoi occhi mi vedono al buio
le mie mani ti sentono senza toccarti.

Tutto è perfetto
e scivola via senza fare rumore.

Anna Maria Guerrieri

Published in: on marzo 27, 2012 at 07:08  Comments (6)  
Tags: , , , , , , , , , ,

Come, quando, dove?

Tentare di decifrare il futuro,
con quale alchimia
interpretare gli indizi del destino,
leggere i segni della notte
carpire i segreti di Madre Natura?
Sospeso
il pensiero viaggia  nel tempo
a ritroso e avanti
alla ricerca dell’assoluto
di ciò che è sicuramente vero
dei significati reconditi della vita
e del senso dell’esistenza.

Fra poco sarò pronto
non manca poi molto
credo,
fra poco finalmente saprò
il come
il quando
e soprattutto il dove andrò.
…E l’emozione si mescola alla paura.

Sandro Orlandi