Viaggio in V classe

Amici, in questi ultimi giorni, grazie anche ad un periodo di forzato riposo, ho avuto modo di leggere finalmente il romanzo d’esordio del nostro Aurelio Zucchi, il suo “Viaggio in V classe”, del quale  alcuni anni orsono apprezzai alcuni brani pubblicati sul sito “Poetare”. Mi ero ripromesso di non farmi sfuggire questa preziosa testimonianza di vita, che è allo stesso tempo il ritratto nitido di un’avventura giovanile e di un’età della nostra storia recente, ma anche un affettuoso omaggio alle proprie radici. Non mi sbagliavo, perchè ho avuto la conferma non soltanto della capacità descrittiva e della ricchezza stilistica dello scrittore Aurelio, ma anche delle sue grandi qualità umane che emergono dai suoi ricordi familiari e dalle riflessioni  sociali, in un contesto perfettamente bilanciato di tenera malinconia, sagace ironia ed intatto giovanile entusiasmo, dove non è il rimpianto a prevalere bensì i valori  che si sono conquistati: l’amicizia, la passione per le cose che contano nella vita,  e la consapevolezza orgogliosa della lunga strada percorsa.  E’ una lettura che consiglio a tutti voi per le prossime vacanze pasquali: qui potete trovare una recensione al libro, mentre di seguito c’è il link dove potrete trovare il volume. Io non posso che complimentarmi con Aurelio ed augurargli una carriera letteraria costellata di successi!

VIAGGIO IN V CLASSE di Aurelio Zucchi – Ed. Il Filo

Published in: on aprile 2, 2012 at 18:51  Comments (6)  
Tags: , , ,

Balada para los poetas andaluces de hoy

¿Qué cantan los poetas andaluces de ahora?
¿Qué miran los poetas andaluces de ahora?
¿Qué sienten los poetas andaluces de ahora?

Cantan con voz de hombre, ¿pero dónde están los hombres?
con ojos de hombre miran, ¿pero dónde los hombres?
con pecho de hombre sienten, ¿pero dónde los hombres?

Cantan, y cuando cantan parece que están solos.
Miran, y cuando miran parece que están solos.
Sienten, y cuando sienten parecen que están solos.

¿Es que ya Andalucía se ha quedado sin nadie?
¿Es que acaso en los montes andaluces no hay nadie?
¿Qué en los mares y campos andaluces no hay nadie?

¿No habrá ya quien responda a la voz del poeta?
¿Quién mire al corazón sin muros del poeta?
¿Tantas cosas han muerto que no hay más que el poeta?

Cantad alto. Oiréis que oyen otros oidos.
Mirad alto. Veréis que miran otros ojos.
Latid alto. Sabréis que palpita otra sangre.

No es más hondo el poeta en su oscuro subsuelo encerrado
Su canto asciende a más profundo
Cuando, abierto en el aire, ya es de todos los hombres.

§

BALLATA PER I POETI ANDALUSI DI OGGI

Che cantano i poeti andalusi di oggi?
Che cantano i poeti andalusi di oggi?
Che cantano i poeti andalusi di oggi?

Cantano con voce d’uomo,
Ma dove sono gli uomini?
E con occhi d’uomo guardano,
Ma dove sono gli uomini?
Con cuore d’uomo sentono,
Ma dove sono gli uomini?

Cantano, e quando cantano sembra che siano soli
Guardano, e quando guardano sembra che siano soli
Sentono, e quando sentono sembra che siano soli
Che cantano i poeti, i poeti andalusi di oggi?
Che guardano i poeti, i poeti andalusi di oggi?
Che sentono i poeti, i poeti andalusi di oggi?

E quando cantano, sembra che siano soli
E quando guardano, sembra che siano soli
E quando sentono, sembra che siano soli

Ma dove sono gli uomini?

Forse che l’Andalusia è rimasta senza più nessuno?
Forse che sui monti andalusi non c’è più nessuno?
Nei campi e nei mari andalusi non c’è più nessuno?

Non ci sarà più nessuno a rispondere alla voce del poeta,
A guardare al cuore senza muri del poeta?
Così tante cose sono morte, che non c’è più altri che il poeta

Cantate alto, sentirete che altri orecchi sentono
Guardate alto, vedrete che altri occhi guardano
Gridate alto, saprete che palpita altro sangue

Non è più sommerso il poeta, rinchiuso nella sua buia fossa
Il suo canto sale a qualcosa di più profondo
Quando è dischiuso nell’aria da tutti gli uomini

E allora il suo canto è di tutti gli uomini
E allora il suo canto è di tutti gli uomini
E allora il suo canto è di tutti gli uomini
E allora il suo canto è di tutti gli uomini.

RAFAEL ALBERTI                       (Musica degli Aguaviva)

Published in: on aprile 2, 2012 at 07:41  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Joni Mitchell

C’è un tempo che alla strada di casa smette il buio
e pare che germogli per me l’oceano prato.
Un tempo che non sei più distratta e metti mano
per una o due monete alla tasca;
poi mi chiami, pretendi che io canti come la Mitchell
dea. Di Amelia e il suo peccato di vivere
dei posti, in cui fermammo un giorno
col freno a farci amore.
Un tempo di tappeti, e di sorsate d’aria
di alberi in gran spolvero come a una comunione.
Un principio di rossetto sugli angoli del dire
la smagliatura che ti dilaga
tracce d’ozio, per bene camuffate sotto un tailleur da schianto.
Un tempo che i bottoni non prendi mai sul serio
che pensi non sia male il tuo bianco tra i capelli;
e non sia male anch’io, dal nuvolo degli anni:
in fondo un parapioggia discreto
corde salde, di un’altalena niente sicura.

California, California i’m going home.!

Massimo Botturi

 

Gioco col vento

Gioco col vento che mi parla
tra foglie ingiallite dal tempo
e come fiume in piena
racconta i silenzi dell’anima.

Ridere, correre, gioire
per poi fermarsi ad ascoltare
i battiti del cuore che risuonano
all’unisono con la melodia della natura.

Sfuggenti sono i ricordi malinconici
scivolati negli inganni della vita
insieme a parole vuote
che ora tacciono per sempre.

Libera da catene di falsità
m’inoltrerò nella limpidezza del cielo
e senza costrizioni di tempo
spalancherò il cuore a nuove emozioni.

Patrizia Mezzogori

Double face

Il palco è animato
dal grosso vociare,
esse propense…
e disposte a chattare

I cani di fronte
con la bava alla bocca
son tutti eccitati….
dal prendere l’osso

I colori assumono
tonalità diverse,
ed ognuno si mostra
con un altro aspetto

Le femmine timorate
diventano audaci,
ed i maschi timidi
si mutan in voraci

Sono messe al bando
le ipocrisie ….
e tutto un crescente…
di frenesie

Ciro Germano

Published in: on aprile 2, 2012 at 07:01  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , , , , ,

Dove…gli istanti

A valle vanno
ad accozzarsi
caliginose nuvole
quando deluso
sosta il sonno ferito,
spento bagliore
d’un giorno malfermo.
Rotolare cieco
d’inesorabile fumoso
morire d’istanti.

Daniela Procida

Published in: on aprile 2, 2012 at 06:54  Comments (2)  
Tags: , , , , , , ,