Inganno

 
L’orizzonte
Dove lo sguardo
Non incontra
La fine
.
Mare e cielo, confusi
In un unico
Azzurro cobalto
.
L’onda
Che pare morire
Sulla battigia, si ritrae
Nel mare profondo
.
L’inganno dell’apparenza
Come miraggio
Su desertiche dune

Danila Oppio

Published in: on aprile 7, 2012 at 07:34  Comments (7)  
Tags: , , , , , , , , , , ,

La giostra

 
che parte da un bacio
inizia la storia fiorita,
girando
misura l’altezza del monte
col verso che foggia a destino
cestini di frutta,
si carica d’anni, d’affanni
e guarda con gli occhi
degli alberi spogli
le grigie distese,
consegna i vestiti alle ombre
e segue discorsi di piedi
che lasciano orme
di sabbia, di pietra, di miele…
come una cantilena del canneto
a supplizio del vento
tutte le orme sparse
dappertutto.

 Giuseppe Stracuzzi

Terra

Son venuta
a trovarti
all’ospizio
nel reparto
malati terminali,
dove
i tuoi figli
ti hanno abbandonata.
Guardo
il tuo corpo
martoriato
e ti siedo vicino.
Non parli
ma sorridi
con gli occhi
e la bocca sdentata.
Dalle mani
ferite
posate
sulla coperta
spuntano
fili d’erba.

Graziella Cappelli

Published in: on aprile 7, 2012 at 07:22  Comments (8)  
Tags: , , , , , , , , , , ,

O capo insanguinato

O HAUPT VOLL BLUT UND WUNDEN

O Haupt voll Blut und Wunden,

Voll Schmerz und voller Hohn,

O Haupt, zum Spott gebunden

Mit einer Dornenkron;

O Haupt, sonst schön gezieret

Mit höchster Ehr’ und Zier,

Jetzt aber höchst schimpfieret:

Gegrüßet sei’st du mir!

Du edles Angesichte,

Davor sonst schrickt und scheut

Das große Weltgewichte,

Wie bist du so bespeit!

Wie bist du so erbleichet!

Wer hat dein Augenlicht,

Dem sonst kein Licht nicht gleichet,

So schändlich zugericht’t?

§

O capo insanguinato del dolce mio Signor,

di spine incoronato, straziato dal dolor:

perché son sì spietati gli uomini con Te?

Ma sono i miei peccati! Gesù, pietà di me.

O Volto sfigurato da immani crudeltà,

le piaghe han oscurato l’augusta Tua beltà:

infondi in me una stilla di sangue redentor,

accendi una scintilla d’amore nel mio cuor.

Signore, dolce Volto di pena e di dolor,

o Volto pien di luce, colpito per amor.

Avvolto nella morte, perduto sei per noi.

Accogli il nostro pianto, o nostro Salvator.

Nell’ombra della morte resistere non puoi.

O Verbo nostro Dio, in croce sei per noi.

Nell’ora del dolore ci rivolgiamo a Te.

Accogli il nostro pianto, o nostro Salvator.

JOHANN SEBASTIAN BACH 

(dalla Passione Secondo Matteo, Corale 63)

Pasqua

 
Li tagliano gli ulivi
per farci coi tronchi tigliosi
le contorte strade ai pesanti pensieri di Dio.
Il sangue di legno
pulirà il male alla terra
ma l’anima messa in croce
sgocciola l’ultima divinità…

Enrico Tartagni

Published in: on aprile 7, 2012 at 06:48  Comments (8)  
Tags: , , , , , , , , , , ,