Tempo

TEMPS

Seigneur, j’ai le temps,

J’ai tout mon temps, Tout le temps que tu me

donnes,

Les années de ma vie,

Les journées de ma vie,

Les journées de mes années,

Les heures de mes journées,

Elles sont toutes à moi,

A moi de les remplir, tranquillement, calmement,

Mais de les remplir tout entières, jusqu’au bord,

Pour te les offrir, et que de leur eau fade,

Tu fasses un vin généreux, comme jadis à Cana,

Tu fis pour nous les noces humaines.

Je ne te demande pas ce soir, Seigneur,

Le temps de faire ceci, et puis encore cela,

Je te demande la grâce de faire consciencieusement,

Dans le temps que Tu me donnes,

Ce que Tu veux que je fasse.

§

Signore, ho tempo.
Ho tutto il tempo mio,
tutto il tempo che tu mi dai,
gli anni della mia vita,
le giornate dei miei anni,
le ore delle mie giornate,
son tutti miei.
A me spetta riempirli,
serenamente, con calma,
ma riempirli tutti,
fino all’orlo,
per offrirteli, in modo che della loro acqua insipida
tu faccia un vino generoso,
come facesti un tempo a Cana per le nozze umane.
Non Ti chiedo questa sera, Signore,
il tempo di fare questo e poi ancora quello,
Ti chiedo la grazia di fare coscienziosamente,
nel tempo che Tu mi dai,
quello che tu vuoi che io faccia.

MICHEL QUOIST

Published in: on aprile 15, 2012 at 07:50  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , , , ,

Sandrino dove sei?

Sandren indu it?
lè instramezz al novval
che incù lè un dè cal piov
e un pucten et zig anca te
soul un muminten
in tal vaddars acsè adulurè
Ma pò al tò suris
al ciapa tott al zil
parchè lè bel
lè acsè bel vuler!

§

Sandrino dove sei?
lì tra le nuvole
oggi è un giorno piovoso
e tu anche piangi un po’
solo un breve istante
nel vederci così addolorati.
Poi il tuo sorriso
a tutto cielo
è bello
è tanto bello volare!

azzurrabianca

Published in: on aprile 15, 2012 at 07:33  Comments (6)  
Tags: , , , , ,

CIAO CIAO SANDRÈN

Hai fatto il tuo ultimo numero fra di noi
due piroette e giochi di parole
invenzioni poetiche
di cui non ci hai svelato il percorso
“forse nemmeno io li ricordo
tutti i giochi inventati”
Ti sei alzato dalla sedia
com’eri solito quando giungeva
il momento di leggere.
Per te “poesia” non era cosa da
far seduti, ma fiamma che tutto
ti prende.
Con la consueta passione ci hai
trascinati nel vortice della creazione.
Alla fine hai detto “mi sono stancato”
non si vedeva quanto ti era costato
quella profusione di energia.
Poi hai salutato con un sorriso
dolce negli occhi e sei andato.
Ti immaginiamo là ora
in peripatetica nei cieli
o nei prati illimitati della poesia
senza stanchezza là così
olè opplà parapapà

E adesso un bel marameo di gruppo
come ci hai insegnato
ciao ciao Sandren

Ma poi diamo stura alle lacrime

Alessandra Generali

Published in: on aprile 15, 2012 at 07:12  Comments (3)  
Tags:

Ciaosandrèn

 
Ciaosandren…  
ricordo l’equilibrismo sui banchi
il tuo marameo alla vita,
un poeta- apicoltore mentre fioriva la robinia.
.
Poi in frenetica attività
i tuoi foglietti declamati di risate
e in fantasia della tua buccia-dono
nacque la Patasia!
.
Caro Fratello pastello
piume bianche d’amicizia i tuoi pensieri
hanno inseguito e regalato vita a molti respiri.
.
Oggi per me c’è bufera dolorosa
ho la vista che il lampo acceca
tra le gocce d’ aprile.

Aurelia

Published in: on aprile 15, 2012 at 07:00  Comments (3)  
Tags:

A Sandrèn

Una giorno d’apparenze
su vetri bagnati
ed un sole che tarda
esitante alla vita
dietro la coltre
che conserva la notte
di luci appassite.
S’è spenta una stella stanotte
ed il sole non sorge.
Disperato è il pianto
per chi lascia la vita
essendo nato per vivere
fino all’ultimo sorso.

Lorenzo Poggi

Published in: on aprile 15, 2012 at 06:56  Comments (5)  
Tags:

A capofitto nell’anno bisestile 2012

A CUFÉTT INT L ÂN BISÈST 2012

A vòi fèr al girundlån
e a infåurc un vaird insónni
cme s’la fóss un’aventûra
mé ch’a viâz da pió d vént ân
in stra mèz ala Poesî,
e a m i fécc con dsinvultûra!
Ai n’é tanti, dòn e òmen,
ch’viâzen trésst in sti mumént
ch’i én in câsa o i van zarcànd
la cadäina sfrutadåura
d fèr di tûren nòt e dé,
ch’vrénn andèr con la famajja
in muntâgna al mèr o ai sí
mo ch’ai tåcca d cuntintères
d’un uvén cån dû radécc’!
Bän, nuèter bî bulgnîs,
par l’amèra congiuntûra
s cuntintän pr al Bån Nadèl
ed pluchèr vèci parnîs,
pò andèr zå pr i ûltum pirû
dl’Ân ch’finéss sänza surîs!
Acsé entrarän con tant’angósstia
in cl antepâtic Ân Bisèst
pr’inizièr na vétta nòva:
gnínta scónt a tótt i lêrz
speranzû§ ed psair rubèr
cómm i an fât in fén adès!
Sänpr in èlt i én i Povêta
con la forza sovrumèna
ch’i an i Pûr: Vîva l Amåur,
tótt al månd al se dsdarà
e sugnànd pió giósst turtlén
fôrsi… la batâglia al vinzarà!

§

Voglio fare il giramondo
e inforco un verde sogno
come se fosse un’avventura
io che viaggio da oltre vent’anni
sempre in mezzo alla Poesia,
e mi ci ficco con disinvoltura!
Ce ne son tanti, donne e uomini,
che viaggiano tristi in questi momenti
in cassa integrazione o van cercando
la catena di montaggio
per fare turni notte e giorno,
che andrebbero con la famiglia
in montagna al mare o sugli sci
ma che devono accontentarsi
d’un ovino con due radicchi!
Bene, noi bei bolognesi,
per l’amara congiuntura
ci accontentiamo per il Buon Natale
di leccare vecchie pernici,
poi scendere gli ultimi gradini
dell’Anno che finisce senza sorrisi!
Così entreremo con tant’angustia
in quell’antipatico Anno Bisestile
per iniziare vita nuova:
niente sconti a tutti i lerci
speranzosi di poter rubare
come han fatto fino adesso!
Sempre in alto sono i Poeti
con la forza sovrumana
che hanno i Puri: Viva l’Amore,
tutto il mondo si sveglierà
e sognando più giusti tortellini
forse… la battaglia vincerà!

Sandro Sermenghi

Questa la conoscete già, è una delle ultime poesie che mi ha mandato Sandro. Ve l’ho voluta riproporre perchè qui lui c’è proprio tutto: la sua poesia, la sua ironia, la sua voglia di sorridere, la sua sete di giustizia. Tutte cose di cui abbiamo tanto bisogno di questi tempi. Questo anno bisesto e cattivo è venuto a portarti via, ma noi siamo sicuri che tu, con il tuo gaio sberleffo, sei già lassù che ti fai beffe di Ade e Caronte, e stai già allietando una platea celeste di intenditori. Ciaosandrén!

Published in: on aprile 15, 2012 at 06:33  Comments (2)  
Tags: ,