Preghiera

Passi solitari risuonano sul selciato,
lembi dispersi di un sentimento
che disperato volge lo sguardo al cielo
nella vana speranza di una luce.

Accade così, che il dolore
diventa luogo fermo nella vita
come autunno macchiato di lacrime
e in una notte buia come pece,

il cuore scoppia nell’enorme
grido di rabbia e ribellione
per le ingiustizie di un mondo
dove vige crudeltà e indifferenza

mentre una preghiera s’eleva lieve
al cielo illuminato dal sole nascente,
potenza misteriosa gravida di suoni
nell’immenso amplesso di palpiti,

in cerca d’una presenza amica
che asperga gli uomini di luce pura
sì che gli animi cantino lodi
per il trionfar della pace eterna.

Patrizia Mezzogori

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2012/04/25/preghiera-3/trackback/

RSS feed for comments on this post.

8 commentiLascia un commento

  1. E’ un atto di fede quello che fa la brava Patrizia. Si vive nell’ingiustizia e attorniati dal male, la fede in una superiore giustizia ci salverà. Molto bella e molto piaciuta.
    Piero

  2. Cara Pat, una stupenda poesia che descrive le brutture
    del mondo, tanto da infliggere un dolore sordo, punto fermo
    della vita contro le ingiustizie, crudeltà, egoismo, indifferenza.

    E’ soave preghiera lieve, che s’eleva verso il cielo illuminato
    dall’alba, verso la potenza gravida di suoni misteriosi e in
    amplesso di palpiti. (hai delle espressioni poetiche superbe)

    Gli animi cantino lodi affinché la presenza amica possa
    aiutare uomini di buona volontà inondandoli della sua
    pura luce per far trionfare pace eterna.

    Dimostrazione che, anche senza atti di fede, si può creare
    una meravigliosa poesia. Complimenti.

    Un abbraccio, Paolo.

  3. Quel dolce canto al cielo contro le brutture del mondo che vuotano il cuore e lo colmano di sofferenza è bellissima.Tinti

  4. Molto affascinante.
    Simone

  5. Una preghiera in poesia, colma di essenza divina.
    Brava Patrizia!

    Maristella

  6. Cara Patrizia, una preghiera che dal dolore si apre in canto.
    Bellissima!
    Graziella

  7. Grazie di cuore a tutti per i bellissimi commenti, l’apprezzamento ed il tempo dedicatomi
    Un caro saluto
    Patrizia

    • “come autunno macchiato di lacrime
      e in una notte buia come pece,” il mondo è anche questo. bella la poesia Rosy


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: