Io trasporto

 
Un terremoto di alfabeti monchi
di consonanti disadorne
di vocali affilate come lame di amore denutrito
mentre muori parafrasando arcobaleni miopi
e giumente negre…
bella, Lou, annegata nella melma dell’etica e dei narcotici
con i piedi intinti nel colore blu per lasciare tracce di cielo
sui pavimenti bianchi dello spaccia angelo bianco degli elettro fans ,
shock di paradisi ampere
shock di dormitori anoressici
shock di elettroshock eterosessuale
sperimentazione artistica
osso
per i cani…
i buchi che hai nelle braccia lasciano presagire brandelli di materiale cosmico
e detriti di occidente denuclearizzato,
oh, Lou, che passasti da monastero a bordello a portaombrello a corsia d’emergenza
in turbo barella priva di freni e sterzo e navigatore stellare
lucidando cappelle mostruose in vagoni merci del cuore
deglutendo sconfitta abbassando mutande e detergenti intimi e poeti post bellici
cantatori dei tuoi seni cannibali cresciuti tra allevamenti in gabbia
tra luce calda e scimmie di stagnola
Lou, divulgatrice delle finestre cieche e degli amplessi sottomarini
Lou, stelo bucato
trapassato remoto
trapassata
dai mille aghi muti
                                di dio.
Non ci si può liberare dal tuo odore, dalla tua biblioteca di profumi segreti,
vorrei dormire ogni notte nell’accogliente grotta della tua anima
e danzare come una bestia affamata grammo dopo grammo liberandoti le vene
e sfiorare la tua schiena,
Lou,
         dove ogni neo è il capitolo di un bacio.

Massimo Pastore

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2012/05/07/io-trasporto/trackback/

RSS feed for comments on this post.

6 commentiLascia un commento

  1. Faccio mio questo verso che amo”vorrei dormire ogni notte nell’accogliente grotta della tua anima”.Grazie.
    Tinti

  2. Rabbiosamente commovente. Lacrime di rabbia da asciugare con phon giroscopico e detergere con grumi di spine.
    E’ poesia d’amore questa. D’amore e di dolore.
    Applausi scroscianti, Massimo. E richiesta di bis. Piero

  3. Amore e dolore come ha detto Piero, in questa poesia di grandissima intensità dove la rabbia diventa commozione e che emana grandi emozioni. Complimenti, grandissima poesia
    Patrizia

  4. Grandi emozioni che non lasciano respiro.
    Graziella

  5. grazie per le vostre parole

  6. Concordo con i commenti precedenti ed aggiungo che mi piace moltissimo anche l’ultimo verso.
    Sandra


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: