Natura

La terra e a lei concorde il mare
e sopra ovunque un mare più giocondo
per la veloce fiamma dei passeri
e la via
della riposante luna e del sonno
dei dolci corpi socchiusi alla vita
e alla morte su un campo;
e per quelle voci che scendono
sfuggendo a misteriose porte e balzano
sopra noi come uccelli folli di tornare
sopra le isole originali cantando:
qui si prepara
un giaciglio di porpora e un canto che culla
per chi non ha potuto dormire
sì dura era la pietra,
sì acuminato l’amore.

MARIO LUZI

Devi

 
Bisogna
devi
dovresti
è d’uopo
ma la vita è così
guarda in avanti
sempre si progetta
mai voltarsi indietro
……………………….
.
Quante frasi fatte
tocca sentire
quante norme
di quieto vivere
tocca ascoltare
quante ritrite
parole e paraventi
nozioni avulse o
difese dal cuore.
 .
Forse meglio
sarebbe
guardare le bocche
di leone
appena schiuse
che  parlano
di vento e porporina
non ti giudicano
e t’ aspettano
mentre zoppichi.

Tinti Baldini

Published in: on maggio 11, 2012 at 07:26  Comments (18)  
Tags: , , , , , , , , ,

Oblio d’amore

tra le ciglia chiuse
vacilla il sogno
indugia la carezza
tra delirio e morsi

è un suono muto
di rauche poesie
lamento, tormento
estasi ed oblio

raggiungi l’anima
tra le rotondità feconde
entra tra le costole e il cuore
respira con me d’un solo bacio.

astrofelia franca donà

Prima che l’alba diventi una spia

Stanco del silenzio nella forra,
desidero fermarmi ore ed ore
nel caldo freddo della notte al mare
e non importa se nell’occasione
non ci saranno stelle e similari.

Mi stirerò nel più preciso punto
là dove le onde smorzano lo schiaffo
e, ruffiano, ne canterò i fragori
di modo che questo mio egoismo
ottenga di parlare a chi ascolta.

Nel buio stropicciato dalle nubi,
prima che l’alba diventi una spia,
tutto dirò che non sia menzogna.
Spalancherò questi occhi ciarlatani
e senza sosta li farò parlare.

Chissà che qualche anima nascosta
ove il fondale eternità lambisce,
non spunti irata dalle scure acque
e in mia difesa lei si schieri.
Solo così non mi sentirò solo.

Aurelio Zucchi

Quella redola

Il mio corpo è marchiato,
impresso indelebile,
nel disegno tuo, foggia,
che in me prende spazio
alle mie notti durando oltre,
fino alle luci abbacinanti,
quelle di giorni solitari e tristi
che non mi lasciano vedere,
ansiosi, d’attesa fiaccante,
mancando il tuo sale, vitale,
condimento di pasti sciapiti.
Penso all’aria da respirare
che intensa si frappone,
ci tiene distanti e… e…
parte l’affanno, il tormento,
di un lavoro che sa di pazzia:
scudisciarla!
Come a reciderla, io violenta,
quella fitta boscaglia, da incubo,
ottenebrante ossessiva pressione
su fulgida brama di quella redola
che senza possibile replica
mi pretende e trascina… da te.

Daniela Procida