Destino e libero arbitrio

 
Ecco quel che idearon,
antichi savi greci,
per fiabe raccontare
a lor concittadini:
.
Clothò tesseva un filo.
Làchesis l’avvolgeva
attorno al corpo umano
e vita gli donava.
In tempo stabilito,
Atròpos,  con cesoia,
quel filo recideva,
ponendo fine al duolo.
.
Ma tutta questa storia,
da saggi progettata
per ingannar balordi,
ebbe un  proseguimento.
.
Un giorno in Palestina
da immacolata nacque
uomo pien di carisma
ed ordine rimise.
Lui vide l’ingiustizia
ed elencò peccati
regole e norme emise.
Conformemente visse.
.
Però per gli altri il cuore
avea d’amor stracolmo,
così  regole e  norme
flessibili egli rese.
Donò libero arbitrio
a tutti i suoi seguaci.
Di questi fu la scelta:
seguirle o interpretarle.
.
Ma ci pensò Ireneo,
alcuni anni dopo,
a sceglier tra i vangeli
quelli più confacenti,
più convenienti a chiesa
allora in formazione.
Suggestionar le  menti
 serviva a quel potere.
 .
Così,  frammezzo a tanti,
scelse quelli opportuni,
quelli  magnificanti
l’umanità del Cristo.
Degli altri documenti,
parlando di scintilla,
un grande rogo fece.
.
Chiesa volle premiarlo
rendendolo suo padre.
.
Ma il tempo galantuomo,
tra Nag Hammady e Qumran
ci rese quei volumi
facendoci più edotti.
.
Così potremo sceglier
tra umanità e divino,
tra libero pensiero
e sorte d’altri scritta.

Piero Colonna Romano

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2012/05/22/destino-e-libero-arbitrio/trackback/

RSS feed for comments on this post.

12 commentiLascia un commento

  1. Che fanno queste turbe ploranti di insetti
    ciechi, piegati, feriti, davanti a un’icòna
    a… un altare, ad un simbolo? Sono Formiche
    e loro sono state calpestate da un… piede
    d’umano, destino cieco stavolta, per loro
    terremoto: spingendo da sotto il formicaio
    è rovinato uccidendo il corpo di giovani,
    vecchie, bambine… formiche.
    Stavolta il libero arbitrio è quel piede:
    disegno che loro non sanno le Formiche.
    Con pavide antenne tremanti un’arcàna
    potenza esse invocano, Dio – che è anche
    il loro – domina e vince, attende eterno
    al di là della vita. Ciao, Paolo.

    • Caro Paolo ti ringrazio per l’attenzione e per la lunga disamina. Certamente, nell’ottica di chi crede non può esistere il libero arbitrio. Sarebbe un po’ come una trappola, non credi? Un caro saluto. Piero

      • L’ho appena dimostrato.

      • P.S.
        INFATTI: Esiste un libero arbitrio da fattori esterni condizionato.
        Non hai capito: secondo te, per quelle formiche descritte
        sopra, se esiste il libero arbitrio? Nooo.
        Un fulmine che ti colpisce, avvalora il libero arbitrio?
        Non travisare le mie parole, sennò i commenti sarebbero inutili!
        Un altrettanto caro saluto. Paolo

  2. Destino e libero arbitrio. Quanto è già scritto e quanto dipende da noi?
    Come si accomoda la religione di fronte al male che è in noi? Vari temi, vari argomenti. Di fronte la realtà d’una religione che permette sempre di pentirsi di padre in figlio per gli stessi peccati.

    • Grazie per l’attenzione caro Lorenzo. Lunghissimo discorso si potrebbe fare ma, per sintetizzare al massimo, io credo nel libero arbitrio. Credo anche che nessuno lo abbia concesso. Un caro saluto. Piero

  3. Poesia ricca di tematiche e domande (come dice Lorenzo) su cui ci sarebbe tanto da discutere. Ne prendo atto e ringrazio chi le ha sottolineate con un così bel poetare.
    Sandra

    • Grazie per il complimento, cara Sandra. Piero

  4. Anche io ci credo fermamente.Credo anche che tu sia riuscito ad entrare in argomento così dibattuto ambiguamente, in modo ineccepibile e in poesia.Bravo!tinti

  5. Argomento affascinante quello dei vangeli gnostici e dello gnosticismo. Grazie èer l’attenzione Tinti. Un caro saluto. Piero

  6. Caro Piero, hai scelto un tema che potrebbe essere discusso all’infinito, io penso che ciascuno accomodi la religione alle proprie esigenze e alle proiprie riflesiioini… anche la chiesa accomoda la religione ai propri criteri, spesso opportunistici,
    la tua poesia mi piace.
    Scusa se sono in ritardo
    ciao
    Giuseppe

    • Ti ringrazio, caro Giuseppe, ed hai ragione. Su quel tema lunghissime riflessioni si potrebbero fare. E l’argomento (le differenze tra vangeli canonici e gnostici in particolare, la storicità e l’essere di Gesù) mi appassiona, pur non essendo credente.
      Un caro saluto. Piero


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: