Il mio corpo, la mia figura invecchiano

è una ferita d’orrido coltello.
Io non so sopportare. E a te mi rivolgo
Arte della Poesia, che un poco sai di farmaci,
e del dolore una narcosi tenti
nella parola e nella fantasia.

E’ una ferita d’orrido coltello.
Oh, rècami i tuoi farmaci, Arte della poesia,
che inavvertita rendono, per poco, la ferita.

KONSTANTINOS PETROU KAVAFIS

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2012/05/30/il-mio-corpo-la-mia-figura-invecchiano/trackback/

RSS feed for comments on this post.

5 commentiLascia un commento

  1. meravigliosa

  2. La vecchiaia che avanza è ferita d’orrido coltello…senza parole.tinti

  3. La vecchiaia non è facile da accettare
    Stupenda
    Patrizia

  4. Serve anche a lenire le sofferenze la poesia, magari fosse sempre presente in me l’ispirazione o l’aver qualcosa da dire.
    Simone

  5. Stupenda!
    Graziella


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: