We can work it out

Try to see it my way
Do I have to keep on talking till I can’t go on?
While you see it your way
Run the risk of knowing that our love may soon be gone
We can work it out
We can work it out

Think of what you’re saying
You can get it wrong and still you think that it’s alright
Think of what I’m saying
We can work it out and get it straight, or say good night
We can work it out
We can work it out

Life is very short, and there’s no time
For fussing and fighting, my friend
I have always thought that it’s a crime
So I will ask you once again

Try to see it my way
Only time will tell if I am right or I am wrong
While you see it your way
There’s a chance that we may fall apart before too long
We can work it out
We can work it out

Life is very short, and there’s no time
For fussing and fighting, my friend
I have always thought that it’s a crime
So I will ask you once again

Try to see it my way
Only time will tell if I am right or I am wrong
While you see it your way
There’s a chance that we may fall apart before too long
We can work it out
We can work it out

§

NOI POSSIAMO FARCELA

Prova a vederla secondo il mio punto di vista
Devo continuare a parlare fino a quando non ce la farò più?
Finchè la vedrai a modo tuo
Corri il rischio di pensare che il nostro amore possa presto finire
Ma noi ce la possiamo fare
Noi possiamo farcelaPensa a quello che stai dicendo
Potresti sbagliare ma continuare a credere di aver ragione
Pensa a quello che sto dicendo io
Possiamo farcela e tirare dritto, oppure dirci buonanotte
Ma noi ce la possiamo fare
Noi possiamo farcelaLa vita è troppo breve e non abbiamo tempo
per agitarci e litigare, amica mia
Ho sempre pensato che sia un crimine..
Perchè te lo chiederò ancora una volta:Prova a vederla dal mio punto di vista
Solo il tempo mi dirà se ho torto o ragione
Finchè la penserai a modo tuo
C’è la possibilità che potremmo separarci tra non molto
Ma noi ce la possiamo fare
Noi possiamo farcela

PAUL MC CARTNEY E JOHN LENNON
.

Ho cercato

 
Camminando ho cercato
ho cercato
e ho incontrato donne sotto i riflessi degli alberi
che sognavano acqua sorgiva
ho incontrato leghe leggere e pesanti
draghi malati che sputavano tizzoni
                                                        ardenti
ho incontrato creature viventi
fatte di penna e piumati voli
ho incontrato mani tremanti che
                                     ghermivano il sole
ho incontrato gradini per salire
sassi su cui inciampare
ho cercato il silenzio che accoglieva e
                                              spaziava dentro
un attento cerbiatto che annusava
                                                           l’amore

Aurelia Tieghi

Published in: on giugno 1, 2012 at 07:37  Comments (7)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Agosto 2004

Come foglie cadenti si è spento il tuo amore
Un dì nella mia dimora il telefono squillava per me
Eri tu che mi cercavi eri tu che mi volevi

Ora con volto adirato mi eviti e ti allontani
Dove ho sbagliato non so
Ci ho pensato e ripensato ma nulla ho trovato
Nulla che giustificasse il tuo gran rifiuto

Forse tu sei cambiata e da me più ti aspettavi
Forse ad altro stai pensando
Di sicuro nei tuoi sentimenti più non vivo
E deluso rimango senza sapere il perché

Marcello Plavier

Published in: on giugno 1, 2012 at 07:22  Comments (4)  
Tags: , , , , , , , ,

Onironauta

Un mordersi continuo
come a sfamarsi degli umori
fermare il flusso  d’un tempo caldo
che ancora avverte d’esser vivi
a toccarsi le gambe pare strano
testimoniare tutti i giorni
sedute o deambulanti
e le braccia una loro geografia
di vene e squame

sognare alligatori sotto il letto
i figli sparsi da salvare
urlavo
nessuno mi ascoltava
ridevano di quelle care bestioline                   e
non aver paura, sciocca, vedi che sono innocui?
Non era vero
li mangiarono tutti                     grandi e piccoli
qui ci vorrebbe un gesucristo armato – pensavo –
che se aspetto miracoli…

ho poi guardato                   ho visto tra le fauci
d’una stanza affamata di me
scricchiolarmi di ossa
espropriarmi di sangue e d’ogni fluido
in questo sogno che rimane fisso
e so
d’essere sveglia.

Cristina Bove

Fame nel mondo

.
Balla
il Potere
il valzer
dell’indifferenza
sulla pista
privata
lastricata
di soldi.
 
Si assiepano
intorno
gli affamati
scheletrici
con gli occhi
infossati.
Mani tremanti
tendono
la ciotola vuota.
.
Graziella Cappelli
.
Published in: on giugno 1, 2012 at 07:04  Comments (19)  
Tags: , , , , , , , ,