Volerai

Chissà come fremeva,
quel ricciolo
inquieto,
mentre le folgori
si sfogavano vicino.
Piccola ciocca
persa
nel gorgo del mondo,
rintanava il pianto
sotto l’ala
d’idee paterne.
I pensieri,
saette latenti,
balenavano a sorpresa,
che la mente
acerba
ne restava abbacinata.
Troppa energia,
in così troppo
poca vita,
e la crisalide
avviticchiata,
non riusciva a spiegarsi
e spiegare
le sue giovani ali.
Volerai, volerai,
promise candida
la colomba,
volerai,
fece eco il corvo
di fumo nero.
Volerai, bimbo.
Volerai.

Flavio Zago

Published in: on giugno 6, 2012 at 07:27  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2012/06/06/volerai/trackback/

RSS feed for comments on this post.

5 commentiLascia un commento

  1. bella e commovente, ciao Rosy

  2. Hai descritto perfettamente l’ascesa
    di un nuovo angioletto alla casa del
    Padre. Poesia dolceamara ma tu Flavio
    sei molto bravo. Un abbraccio, Paolo.

  3. Quanta purezza e speranza, ti fa volare, sognare, bravo Flavio, questa sì che è poesia!
    Simone

  4. Il volo di un piccolo angelo cantato con sublime delicatezza
    Poesia molto commovente
    Patrizia

  5. Meravigliosa ,COINVOLGENTE,COMMOVENTE.BRAVO FLAVIO.TINTI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: