Dove?

S’apparta
tra mura di sabbia
gira la schiena
all’altro sul ponte
che chiama con gli occhi
illumina scale
senza voltarsi
e sale da solo
nè si ferma
su cigli erbosi
le pietre di vento
gli pungono
i talloni
ma lui avanza
spavaldo
a piedi uniti
scorge la cima
anche se nebbia
inquina la vetta
invade il cielo
lui sbraccia parole
e caccia via il sole
ma anche se arriva
non sa dove è il mare.

Tinti Baldini

Published in: on giugno 7, 2012 at 06:52  Comments (19)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2012/06/07/dove/trackback/

RSS feed for comments on this post.

19 commentiLascia un commento

  1. Complimenti, Tinti. La chiusa è splendida.

  2. Volevo raccontare l’uomo o almeno molti che come me arrancano ma non sempre riescono a capire dove sono nè cosa vogliono.Grazie Paolo e Max.Tinti

  3. La ricerca di se stessi, i patimenti, le delusioni, le conquiste, per poi non riuscire a trovarsi. Per aver smarrito la meta. Bella come tutte le poesie di Tinti che invitano a riflettere. Bravissima. Piero

    • Sempre carissimo,grazie.tinti

  4. E la più dura delle scalate la vita, ma pensa,Tinti, se un giorno la nebbia si dirada che spettacolo si puo’ vedere da quella cima conquistata a fatica…….(la speranza e’ dura a morire).
    Un abbraccio con l’affetto di sempre
    Kicca

    • Grazie carra ,forse lo vedremo quello spettacolo…ciao.Tinti

    • Forse quello spettacolo lo vedremo ,cara?.Ciao ,tinti.

  5. l’idea della vetta ricorda il bisogno di dio

    • Chissà….tinti

  6. Cara Tinti, come sai fare tu. Bellissima!
    Graziella

    • Grazie amica!tinti

  7. Le difficoltà che si incontrano nella vita e che rendono difficile sapere dove si può arrivare, se è possibile farcela, è come perdersi in se stessi. Molto coinvolgente e molto bella Tinti
    Ciao, Patrizia

    • Grazie .Tinti

  8. Tinti carissima la vetta è una perfetta metafora della vita, a volte si arranca, ci sembra irraggiungibile, ma poi per fortuna si trova un provvidenziale bastone e allora tutto sembra farsi meno confuso e più sopportabile. Coraggio amica mia sei forte non sei sola, ricorda insieme ce la possiamo fare. Un abbraccio color del cielo, a presto.
    Roberta

    • Certo ,insieme .Grazie amica!tinti

  9. Cara Tinti, bella la tua lunga metafora che alla fine rileva con malinconica constatazione l’inconcruenza di tutto, dove nemmeno raggiungere la cima del monte ha valore:
    “ma anche se arriva
    non sa dove è il mare”
    ciao
    Giuseppe

    • Grazie caro ,hai compreso benissimo…tinti

  10. Bellissima!
    Il messaggio è chiaro.
    Un caro saluto

    Maristella

    • Grazie cara.tinti


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: