Sui gradini del tempo

Quando la somma degli anni
arriva al punto
e volge il segno
alla polvere patria
che si leva
cerco la chiave
per aprire il muro,
rovistando tra pezzi
latenti di vita
ricupero
un esame di coscienza
ed un passaporto di memorie
per non precipitare.

Giuseppe Stracuzzi

Published in: on giugno 16, 2012 at 07:35  Comments (6)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2012/06/16/sui-gradini-del-tempo/trackback/

RSS feed for comments on this post.

6 commentiLascia un commento

  1. Dolce poesia, caro Giuseppe, col pentimento
    e “(…) un passaporto di memorie
    per non precipitare.” Mi piace la tua chiusa,
    che ti libera dai peccati.
    ciao
    Paolo

  2. Anche a me piace la chiusa. ciao Rosy

  3. Caro Giseppe, bellissima poesia e una chiusa stupenda.
    Ciao
    Graziella

  4. Poesia molto bella, è vero, a volte ci si deve aggrappare ai ricordi per non precipitare
    Complimenti
    Ciao, Patrizia

  5. I ricordi, passaporto fatto di memorie. Servono quelli per continuare a vivere, per non precipitare nello sconforto. Bellissima, caro Giuseppe, e complimenti. Piero

  6. Grazie di cuore
    Giuseppe


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: