La quercia caduta

Dov’era l’ombra, or sé la quercia spande
morta, né più coi turbini tenzona.
La gente dice: Or vedo:era pur grande!

Pendono qua e là dalla corona
i nidietti della primavera.
Dice la gente: Or vedo:era pur buona!

Ognuno loda, ognuno taglia. A sera
ognuno col suo grave fascio va.
Nell’aria, un pianto… d’una capinera

che cerca il nido che non troverà.

GIOVANNI PASCOLI

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2012/06/19/la-quercia-caduta/trackback/

RSS feed for comments on this post.

4 commentiLascia un commento

  1. uno dei miei poeti preferito. Rosy

  2. Mi fa pensare alla nostra attuale situazione, dove c’è chi si prende tutto senza pensare che lascerà il nulla per molti altri
    Patrizia

  3. C’è tutto Pascoli in questa poesia, soprattutto il tema a lui tanto caro del “nido”. Tempi del liceo…Grazie per avermeli fatti ricordare.
    Sandra

  4. Una delle mie preferite.
    Grazie!
    Graziella


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: