Mi allontano dalla strada

a passo svelto
senza scarpe, senza difese.
la mia rivoluzione
si chiama poesia:
un papavero rosso
che sboccia tra le cose vere
in mezzo alle macerie.

Michela Turchi

Published in: on dicembre 5, 2012 at 07:47  Comments (13)  

Il pensiero mi porta via tante emozioni

come un ladro che ruba le onde del mare sul nascere.
E’ cattivo il pensiero dell’uomo, soprattutto coi sensibili:
quelle tenere foglie al vento che amano così tanto la vita da averne paura.
Voglio pensare di essere felice un giorno
ma credo sarò solo più bello nella trama del mio tempo.

Simone Magli

Published in: on dicembre 5, 2012 at 07:43  Comments (7)  

La lettera

Nostalgia di una lettera intensa
ricca d’amore
di frasi lunghe fino a sera
che dalla mente
tendono le braccia
fino ad accarezzare il cuore.

Desiderio di una lettera
che sfida il tempo
che nessun sguardo indiscreto teme
lieve come una carezza
ardente come un bacio
imperitura come una sinfonia d’amore
calda e leggera come un respiro
il nostro respiro
all’unisono.

Certezza di una lettera
di caratteri indelebili
neri come la malinconia
azzurri come il cielo azzurro
rossi come una rosa rossa
gialli come la gialla gelosia
bianchi come la bianca purezza
di un giglio aperto
ad accoglierci
come culla
che lievemente dondola
falce di luna argentata
come l’argento dei nostri capelli.

Sandra Greggio

Published in: on dicembre 5, 2012 at 07:33  Comments (13)  

Sonettessa maliarda

SUNETASSA MALIÈRDA

La malî l’éra cla prâtica
che cardänz dal medievèl
garantèven ch’déss la siâtica
ai nemîg e tant brótt mèl:

la fatûra é acsé dramâtica
da fèr dân intestinèl
e ala jàndola linfâtica
surtilég’ che an n’é di eguèl:

ah magî zîrze ed incànt
atratîva e sugestiån
d’un pèr d’ûc’ miurè col rìmmel:

bróssc amåur só bavv trî kìmmel
t’an arè pió al côr scuntänt
ch’l’é in arîv al tô uragàn:

che incantaisum l’é al prodîg’
zert l’é grâzia e seduziån
gran piasair e bèl prestîg’:

mo la ièla che litîg’
l’é un melòc’ una scalåggna
såtta un zîl oscûr e bîs:

i é anc la fûrba incantasån
ch’la lusénga una zigåggna
con la tåurta col limån:

fén che al sån dal culissån 1
si tarzéini ed poesî
e sèt étto ed malî…

zå i se sdràjen cån Zé Arzî

§

La malìa fu quella pratica
che credenze medioevali
garantìvan desse sciatica
ai nemici e tristi mali:

la fattura è sì drammatica
da far danni intestinali
e alla ghiandola linfatica
sortilegi senza eguali:

ah magia circe e incanto
attrattiva e suggestione
di due occhi pinti al rimmel:

brusco amor bevi tre kümmel
non avrai più il core affranto
ch’è in arrivo il tuo ciclone:

che incantesimo è il prodigio
certo è charme e seduzione
gran piacere e bel prestigio:

ma la iella che litigio
è un malocchio una scarogna
sotto un cielo oscuro e bigio:

poi c’è furba incantagione
che lusinga una cicogna
con la torta col limone:

finché al suon del colascione*
sei terzine di poesia
e sett’etti di malìa…

giù si sdràian con Zia Argìa!

Sandro Sermenghi

* colascione: liuto a manico lungo, uso popolare, origine orientale, diffuso nei secc. XVI e XVII soprattutto in Italia meridionale; cassa da mandolino, manico ca. 1 m., corde da tre a sei. Nel 1700 i fratelli Colla di Brescia e Merchi di Napoli furono famosi esecutori di colascione (o calascione).

Published in: on dicembre 5, 2012 at 07:12  Comments (4)  

Dollar Signs – I simboli del dollaro

ANDY WARHOL  –  1981

Published in: on dicembre 5, 2012 at 07:06  Comments (2)  

Movimento

La poesia è : Io vo… tu vai… si va…
Ma non chiedere dove
ti direbbero una bugia:
dove non si sa.
E è tanto bello quando uno va.
Io vo… tu vai… si va…
perché soltanto andare
in un mondo di ciechi
è la felicità.

ALDO PALAZZESCHI

Published in: on dicembre 5, 2012 at 06:56  Comments (3)