Samotraki

Samotraki

Di questi tempi
si cavalca l’onda
o si dovrebbe almeno
provare.

L’onda infrange
la calma piatta delle regole
di questa vita.
Rischia di spazzarti via
senza permesso
la vedi arrivare
puoi scegliere
farti annegare
o danzarci dentro
stile morto
con leggerezza.

La leggerezza in mare aperto
ti può salvare.

Cristiana Calonaci

Published in: on dicembre 18, 2012 at 06:57  Comments (5)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2012/12/18/samotraki/trackback/

RSS feed for comments on this post.

5 commentiLascia un commento

  1. Bella questa poesia/messaggio e anche molto originale. Mi ricorda Le Vele di Dino Campana:

    Le vele le vele le vele
    Che schioccano e frustano al vento
    Che gonfia di vane sequele
    Le vele le vele le vele!
    Che tesson e tesson: lamento
    Volubil che l’onda che ammorza
    Ne l’onda volubile smorza…
    Ne l’ultimo schianto crudele…
    Le vele le vele le vele.

    Brava Cri! Michela

  2. Quanto mi piace questa tua in cui o ci si perde o si prova a nuotare ,a peso morto ,però…tinti

  3. Bella metafora conduce questa poesia.
    “La leggerezza in mare aperto
    ti può salvare.”

  4. Forse è proprio l’unica soluzione. Molto bella, complimenti
    Ciao, serene Festività
    Patrizia

  5. Si… forse è lunico modo! particolare ciao Rosy


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: