Attesa

Attesa2
 
Sono usciti in cerca di luce
e nell’armadio scheletrì, si cambiano d’abito
 .
Il bagliore di qualche vetrina
tributa i volti emaciati 
del va bene cosi
 .
E il muscolo  stilla afflizione
Inchiodando due assi
che non fanno una casa
 .
–   Chi muove i fili di questo desueto silenzio  ?  –
 .
Con quel che ci è costato
si son fatti comete
ma non lasciano tracce
 .
Se non è qui, dov’è che dove?
Se non ora?
In qual luogo . . .  è Natale?

Pierluigi Ciolini

Published in: on dicembre 26, 2012 at 07:42  Comments (3)  

Orologi forati

(Fuga a Samarcanda)

Echeggiano trombe e l’indice atteso
rapisce ogni sguardo, pietrifica il coro.
Stupidi primi, stolti secondi,
già nati, già morti, s’inseguono eterni.
Gli attimi persi si guardano intorno,
indubbi d’avere uno spazio vitale.
Ma è corrersi contro, restando sul posto,
meditar d’allargare i gangli del cosmo.

E decolla il mio capo, in cerca d’un corpo,
più consono e vero di carne consunta;
fugge tra nubi e tempeste incipienti,
tra passi di stormi che inseguono il sole;
si posa sul collo del fiasco del mondo
ancora più illuso, di tappare buon vino.

Ma il tempo smarrito rintraccia il tragitto,
mi scuote e riscuote il pegno mal speso.
Tutto riprende, impietoso esattore:
streghe sfatate, parole mai dette,
versi mai sciolti, infinite premesse,
orologi perdenti, mie ottuse attese;
lasciandomi il viso sul gelo di marmo,
a far da custode a plastica in fiore.

Flavio Zago

Published in: on dicembre 26, 2012 at 07:40  Comments (3)  

Rinascere

con la forza
di un bimbo
in una culla
di fascine
la faccina
dice Natale
il dio bambino
di vite umane
cattive e buone
viene da grembo
inviolato pane
amore di mondo
viene da dove
posto ve n’è
per ognuno
in ogni dove…
Paura non v’è
lì di non avere…
Basta l’alito
di bue e d’asino
a scaldare…

Antonietta Ursitti

Published in: on dicembre 26, 2012 at 07:30  Comments (4)  

Segreto del poeta

Solo ho amica la notte.
Sempre potrò trascorrere con essa
D’attimo in attimo, non ore vane;
Ma tempo cui il mio palpito trasmetto
Come m’aggrada, senza mai distrarmene.

Avviene quando sento,
Mentre riprende a distaccarsi da ombre,
La speranza immutabile
In me che fuoco nuovamente scova
E nel silenzio restituendo va,
A gesti tuoi terreni
Talmente amati che immortali parvero,
Luce.

GIUSEPPE UNGARETTI

Published in: on dicembre 26, 2012 at 07:16  Comments (1)  

L’arberello de Natale arternativo

 
Puntuale come sempre viè Natale
co tutte le lucette colorate
sull’arberi e le strade illumminate
e er monno ch’è più bbòno…Meno male!
 .
Però stavorta nun ce sta er morale
e manco la morale. E sò schioppate
le belle palle impossibbilitate
a sta llì a pennolone cor puntale.
 .
Sur solito arberello natalizzio
perciò ce vanno tutti ‘i fregandò
che in tanti ce s’attaccheno pe vizzio,
 .
e tutti quanti queli privileggi
che tutti ‘n vònno più vedé, però
nisuno fa…le necessarie Leggi…
.
Ce metteremo tutti li penzieri
de chi ‘n sa come fà a  sbarcà er lunario
de chi nun vò abbassasse l’onorario;
dei pòri cristi  e chi cià glorie e imperi.
 .
Le tasche vòte e ‘i conti a tanti zeri,
e chi je tocca vive in un carvario,
e chi come lavoro fa ‘r precario,
politici corotti e faccendieri.
 .
Li sogni de chi sempre sogna e spera,
de avé più vôti pe magnà deppiù,
pe fregà mèjo…pe restà in cariera…
 .
Li pianti e le risate de la ggente,
la cattiveria e er ghigno de chi, su,
ce va sortanto…disonestamente….
 .
Inzomma un arberello arternativo
indove nun ce manchi proprio gnente,
co tutti assieme appassionatamente…
 .
armeno pe Natale,
e tutt’ar più pe er brindisi finale…
che ‘n pò durà de certo eternamente !        
 

Armando Bettozzi 

Published in: on dicembre 26, 2012 at 07:12  Comments (2)