La mia fotografia

Di me ti resta solo una fotografia,
quando ti senti sola e il mondo
ti sembra lontano e impossibile,
quando senti che la vita è un grido
di dolore al cielo che non ascolta,
quando cerchi risposte ai tuoi perché
e il tuo pensare martella la mente…
guardala e sfiorala con le tue dita.
Nel guardarla, tu che puoi, sorridi,
ricordati di me e del breve tempo
in cui l’amore si fermò su di noi.
Troppo grande per me il tuo oceano
da solcare senza temere il naufragio.
Troppo grande per me il tuo cielo
nel quale volare per non temere
l’improvviso e mortale precipitare.
Troppo grande per me la tua terra
da attraversare senza poi smarrirmi.
Troppo grande il tuo modo di amare.
Oggi dico la frase più stupida…
Avrei dovuto…e tu non sai quanto
dolore c’è nel nulla del loro dire.
Nel non volere il tuo male ho ucciso
me stesso infilzandomi nel mio amore.
Avrei dovuto…confine tra quel che ero
e non sono stato e che come fantasma
senza pace cercherò invano in quel nulla
nel quale è giusto io mi consumi.
Guarda la mia foto quando di vivere
senti venir meno il suo palpito
perché io sono ancora lì a sorreggerti
e non sapevo di esserci.

Claudio Pompi

Published in: on gennaio 29, 2013 at 07:37  Comments (5)  

La foglia d’autunno

Di me in verità non ho grande coscienza
Dirvi il mio nome è un’impresa amara
Mi vanto della massima insipienza
Solo il sasso mi batte in questa gara

Spesso in primavera volgete a me lo sguardo
Sì che odo cinguettii diretti al mio colore
Di Cupido sento scoccare il dardo
E parole dolci tutte a ritmare in …ore

Vi sopporto appena quando in salute sono
Ben salda al mio rametto al ciel aggettante
D’altre compagne ho la fortuna e il dono
E linfa da giù mi vien più che abbondante

L’autunno puntuale ora s’è proposto
E il colorito mio è mutato in giallo
La natura da millenni così ha disposto
Non serve che al mattino canti il gallo

Lasciate andar malinconie e vostri struggimenti
Per voi ho coscienza che sia né sano né logico
Io spero che Zefiro mi stacchi poi a momenti
Che da tempo è depositato il Testamento Biologico.

Carlo Baldi

Published in: on gennaio 29, 2013 at 07:34  Comments (7)  

La donna bianca

Donna bianca
 
Bionda signora io vi amo così: bianca,
dalla bocca esangue, anche se il corpo,
lo prodigaste a un folle amante, ’sì sottile,
per vederlo poi fremere più vile,
o donna bianca, dove sei fuggita?
 .
Hai proseguito il tuo fosco cammino?
hai continuato la tua molle vita?
È sempre, donna, la tua fronte, smorta?  
han  raggi gli occhi ed i capelli biondi,
langui tra i baci, o sei malata, o morta?…,
 .
L’anima mia compose: vorrei sentire
in quella solitudine, profonda, cinta di luce
la sua chioma bionda, pensai,
il bianco fior della sua mente corre
trema dolcemente l’onda sul cuore …

Paolo Santangelo

Published in: on gennaio 29, 2013 at 07:26  Comments (17)  

Cu’ mme

Scinne cu ‘mme
nfonno o mare a truva’
chillo ca nun tenimmo acca’
vieni cu’ mme
e accumincia a capi’
comme e’ inutile sta’ a suffri’
guarda stu mare
ca ci infonne e paure
sta cercanne e ce mbara’
ah comme se fa’
a da’ turmiento all’anema
ca vo’ vula’
si tu nun scinne a ffonne
nun o puo’ sape’
no comme se fa’
adda piglia’ sultanto
o mare ca ce sta’
eppoi lassa’ stu core
sulo in miezz a via
saglie cu ‘mme
e accumincia a canta’
insieme e note che l’aria da’
senza guarda’
tu continua a vula’
mientre o viento
ce porta la’
addo ce stanno
e parole chiu’ belle
che te pigliano pe mbara’
ah comme se fa’
a da’ turmiento all’anema
ca vo’ vula’
si tu nun scinne a ffonne
nun o puo’ sape’
no comme se fa’
adda piglia’ sultanto
o mare ca ce sta’
eppoi lassa’ stu core
sulo in miezz a via
ah comme se fa’
a da’ turmiento all’anema
ca vo’ vula’
si tu nun scinne a ffonne
nun o puo’ sape’
no comme se fa’
adda piglia’ sultanto
o mare ca ce sta’
eppoi lassa’ stu core
sulo in miezz a via

§

Scendi con me

in fondo al mare a cercare quello che non abbiamo qua vieni con me e comincia a capire come è inutile soffrire guarda questo mare che ci infonde paure e cerca di insegnarci

ah come si fa a dare tormento all’anima che vuole volare se non tocchi il fondo non puoi saperlo no come si fa devi prendere soltanto il mare che c’è e poi lasciar stare questo cuore da solo per strada

sali con me e comincia a cantare insieme alle note che l’aria dà senza guardare tu continui a volare mentre il vento ci porta là dove ci sono le parole più belle che ti prendono per insegnarti

ah come si fa a dare tormento all’anima che vuole volare se non tocchi il fondo non puoi saperlo no come si fa deve prendere soltanto il mare che c’è e poi lasciar stare questo cuore da solo per strada

ENZO GRAGNANIELLO
.
Published in: on gennaio 29, 2013 at 07:17  Comments (3)  

Ritorneranno i voli, a Primavera

Bettona
 
Rimane tutta sola la montagna
ora che i voli son…volati via
dopo i saluti che alla nostalgia
l’hanno lasciata, e a una forzata pace.
 .
Sceman l’ore di luce, e all’umida ombra
riposano i respiri affievoliti
di tutti gli altri che non son partiti.
La schiena scalda al sol, al suo calare.
 .
Così rimane pur l’antica quercia
coi nidi vuoti ancora tra i suoi rami
da dove i voli incerti, ai richiami
hanno ceduto, della vita, e al cielo,
 .
gioiose tenerezze, han regalato.
Pian, piano s’addormentano, sognando
la nuova vita che verrà, allorquando
ritorneran quei voli, a Primavera.

Armando Bettozzi

Dedicata a Bettona

Published in: on gennaio 29, 2013 at 07:07  Comments (3)