Ciò che ho scritto di noi

Ciò che ho scritto di noi è tutta una bugia
è la mia nostalgia
cresciuta sul ramo inaccessibile
è la mia sete
tirata su dal pozzo dei miei sogni
è il disegno
tracciato su un raggio di sole

ciò che ho scritto di noi è tutta verità
è la tua grazia
cesta colma di frutti rovesciata sull’erba
è la tua assenza
quando divento l’ultima luce all’ultimo angolo della via
è la mia gelosia
quando corro di notte fra i treni con gli occhi bendati
è la mia felicità
fiume soleggiato che irrompe sulle dighe

ciò che ho scritto di noi è tutta una bugia
ciò che ho scritto di noi è tutta verità.

NAZIM HIKMET

Published in: on febbraio 27, 2013 at 07:09  Comments (3)  

Fa ombra anche lo stelo

la colonna reclama troppo spazio
nella fuga prospettica
assale il suolo
ne nasconde di fatti soste passi
e
come fosse rovesciato
il cielo
sulle rive di un giorno inaspettato
una figura arresa

Cristina Bove

Published in: on febbraio 27, 2013 at 07:03  Comments (3)  

Rimorsi

pungono le spine
rimaste di dettagli
inariditi,
a proravia
seguono il tempo,
si affollano
dietro l’ultimo giorno
allo sportello,
cercano Dio
per filosofare.

Giuseppe Stracuzzi

Published in: on febbraio 27, 2013 at 07:00  Comments (4)  

Raccolsi tutte le foglie cadute del pioppo

e le strinsi al petto
perché non riuscivo a distinguere il mio cuore
fatto a pezzi più volte.

aveva lividi di un sole lontano, il cielo.
attraverso i vetri
ci spazzava nel nulla un vento freddo.

Anileda Xeka

Published in: on febbraio 27, 2013 at 06:57  Comments (2)  

Non so

 
Per non so quale ordine
mi sono abituato
a dire grazie
al giorno che è passato.
La notte è buia
è impenetrabile.
Scorre le sue ore
nel mio sonno breve
senza tempo
e non riesco a ringraziarla.

Gavino Puggioni

Published in: on febbraio 27, 2013 at 06:53  Comments (3)