Onorevole…

 
Non posso vedere il buco nel tuo stomaco,
dovrei riempire prima
i bulbi dei miei occhi
di buone azioni
e sorridere meno al popolo
e di più all’uomo.
Non posso rinunciare a quella che mi spetta
dopo ore e d ore passate
a non decidere del tuo non futuro
a guardare le donne passare
e poi genuflettersi  e non sai che piacere…
non posso parlar chiaro finiresti col capire
magari non ti andrebbe più  bene
avere un figlio eroe in tempo di pace,
no proprio non posso farlo per vocazione
voglio essere pagato come il comico migliore
però davanti al mio nome posso scrivere  “onorevole”
 

Maria Attanasio

Published in: on marzo 12, 2013 at 07:44  Comments (2)  

Come tenera, e quanto vellutata

Giving a Rose

Come tenera, e quanto vellutata
e sì vermiglia era quella rosa
appena còlta…E pur s’era spinosa
l’ho stretta tra le mani, e te l’ho data

come t’avessi – in quell’ora fatata –
dato il mio cuor, che ti sognavo sposa,
col respiro d’una giornata afosa…
ma tenera era invece, la serata…

Com’era verde, e tenero, anche il prato
nel favoloso incanto silenzioso
che sol l’intenso battere ritmato

avvertivam quel dì di primavera.
Incanto che a ridir appar lezioso…
Ma la favola…si faceva vera.

Armando Bettozzi

Published in: on marzo 12, 2013 at 07:22  Comments (3)  

L’UOMO VERO

La spinta per la conquista di beni materiali ha corrotto l’uomo vero, ricco del dono di amare la natura e la vita, che usava contemplare lo scintillio delle stelle e amava il verde degli alberi, amico delle rocce e delle onde, ove, tra silenzi e ritmi, le forze misteriose dello spirito penetrano nell’anima

ADRIANO OLIVETTI

Published in: on marzo 12, 2013 at 07:20  Comments (2)  

La valigia dell’attore

Eccomi qua
sono venuto a vedere
lo strano effetto che fa
la mia faccia nei vostri occhi
e quanta gente ci sta
e se stasera si alza una lira
per questa voce che dovrebbe arrivare
fino all’ultima fila
oltre al buio che c’è
e al silenzio che lentamente si fa
e alla luce che taglia il mio viso
improvvisamente eccomi qua
siamo l’amante e la sposa
arrivati fin qua
l’attore e la sciantosa
e siamo pronti a qualsiasi cosa
pur di stare qua
siamo il padre e la figlia
finalmente qua
siamo una grande famiglia
abbiam lasciato soltanto un momento
la nostra valigia di là
nel camerino già vecchio
tra un lavandino ed un secchio
tra un manifesto e lo specchio
tra un manifesto e lo specchio

Eccoci qua
siamo venuti per poco
perché per poco si va
e il sipario è calato già
su questa vita che tanto pulita non è
e ricorda il colore di certe lenzuola
di certi hotel
che il nostro nome ce l’hanno già
e ormai nemmeno ti chiedono più
il documento d’identità
e allora eccoci, siamo qua
siamo venuti per niente
perché per niente si va
e c’inchiniamo ripetutamente
e ringraziamo infinitamente…

Eccoci qua
siamo il padre e la figlia
capitati fin qua
siamo una grande famiglia
abbiam lasciato soltanto un momento
la nostra vita di là
nel camerino già vecchio
tra un lavandino ed un secchio
tra un manifesto e lo specchio
tra un manifesto e lo specchio

FRANCESCO DE GREGORI

Published in: on marzo 12, 2013 at 07:02  Comments (2)  

Interferenza

Laudato si’, mi Signore, per quelli che (…) 

Et sostengono infermitate et tribulatione…

(San Francesco – Cantico delle Creature)


Se gli salvaguardi il portafoglio
assicurata è la benedizione:
auspice dell’IMU l’esenzione
automatico è l’appoggio del Soglio.
 .
Nessuna riserva, nessun cordoglio
per la fosca determinazione
che tanti ha spinto alla disperazione:
la pietas è un concetto spoglio.
 .
Anche se vaga è di Monti l’agenda,
anche se sproloquiano i sostenitori,
che sia per soli ricchi una prebenda
 .
se ne accorgeranno poi gli elettori.
E svanirà per tutti quella benda
di cui i gerarchi sono fautori.

Umberto Marinello

Published in: on marzo 12, 2013 at 06:57  Comments (1)  

Canta o dolce notte, il mio dolore

Volo nella notte

Canta, o dolce notte, il mio dolore,
intreccia i miei sogni
nella trama del riscatto.
Accogli quest’anima sfinita,
cucila nella poesia.
Testimonia il sopruso
d’essere uomini senz’un dio.

Simone Magli

Published in: on marzo 12, 2013 at 06:51  Comments (5)