Forse è davvero amore

Forse è davvero amore questo battere furioso
Del cuore quando ti penso
Ed annego in questo pensare
Come fosse un mare facile da attraversare
Calmo e dolce come la vita che vorrei con te
Oppure con il tuo ricordo
E mai, mai con il rimpianto di te.

Maria Attanasio

Published in: on maggio 14, 2013 at 07:44  Comments (6)  

Ol’ Man River

Dere’s an ol’ man called de Mississippi
Dat’s de ol’ man dat I’d like to be!
What does he care if de world’s got troubles?
What does he care if de land ain’t free?

Ol’ man river,
Dat ol’ man river
He mus’know sumpin’
But don’t say nuthin’,
He jes’keeps rollin’
He keeps on rollin’ along.

He don’ plant taters,
He don’t plant cotton,
An’ dem dat plants’em
is soon forgotten,
But ol’man river,
He jes keeps rollin’along.

You an’me, we sweat an’ strain,
Body all achin’ an’ racket wid pain,
Tote dat barge!
Lif’ dat bale!
Git a little drunk
An’ you land in jail.

Ah gits weary
An’ sick of tryin’
Ah’m tired of livin’
An’ skeered of dyin’,
But ol’ man river,
He jes’keeps rolling’ along.

Colored folks work on de Mississippi,
Colored folks work while de white folks play,
Pullin’ dose boats from de dawn to sunset,
Gittin’ no rest till de judgement day.

Don’t look up
An’ don’t look down,
You don’ dast make
De white boss frown.
Bend your knees
An’bow your head,
An’ pull date rope
Until you’ dead.

Let me go ‘way from the Mississippi,
Let me go ‘way from de white man boss;
Show me dat stream called de river Jordan,
Dat’s de ol’ stream dat I long to cross.

O’ man river,
Dat ol’ man river,
He mus’know sumpin’
But don’t say nuthin’
He jes’ keeps rollin’
He keeps on rollin’ along.

Long ol’ river forever keeps rollin’ on…

He don’ plant tater,
He don’ plant cotton,
An’ dem dat plants ‘em
Is soon forgotten,
but ol’ man river,
He jes’ keeps rollin’ along.

Long ol’ river keeps hearing dat song.
You an’ me, we sweat an’ strain,
Body all achin an’ racked wid pain.
Tote dat barge!
Lif’ dat bale!
Git a little drunk
An’ you land in jail.

Ah, gits weary
An’ sick of tryin’
Ah’m tired of livin’
An’ skeered of dyin’,
But ol’ man river,
He jes’keeps rollin’ along!

§

C’è un vecchio chiamato Mississippi
Quello è il vecchio che vorrei essere!
Che cosa importa se il mondo ha problemi?
Che cosa importa se la terra non è libera?

Vecchio fiume
Quel vecchio fiume
Deve sapere qualcosa
Ma non dice nulla
E continua
Continua a scorrere

Lui non pianta patate
Lui non pianta cotone
E chi li pianta
E’ presto dimenticato
Ma il vecchio fiume
Lui continua a scorrere

Tu ed io sudiamo e fatichiamo
Il corpo è tutto dolorante,
Sposta quel barcone!
Alza quella balla!
Ubriàcati solo un po’
E finisci in prigione

Io sono logorato
Io sono stufo di cercare
E ho paura di morire
Ma il vecchio fiume
Lui continua a scorrere

La gente di colore lavora sul Mississippi
Lavora mentre i bianchi giocano
Spinge quelle barche dall’alba al tramonto
Senza tregua fino al giorno del giudizio

Non guardare in alto
Non guardare in basso
Non devi far arrabbiare
Il padrone bianco
Piega le ginocchia
E china la testa
Tira quella corda
Fino a che non muori

Fammi andar via dal Mississippi
Fammi andar via dal padrone bianco
Mostrami la corrente chiamata fiume Giordano
L’unica che voglio attraversare

Vecchio fiume
Quel vecchio fiume
Deve sapere qualcosa
Ma non dice nulla
E continua
Continua a scorrere

OSCAR HAMMERSTEIN

Published in: on maggio 14, 2013 at 07:44  Comments (10)  

La trebbiatura

Ampia aia
e la battitura
turbinare di chicchi
un vociare inquieto
al primo mattino

al vento frammenti di grano
il duro lavoro
alla terra legato
covone innalzato
bandiera di paglia

beccare frettoloso
galline ruspanti
affaccendate
tra tante granaglie

cori festosi
che al vino fanno onore
a brindare
senza timore

Maristella Angeli

Published in: on maggio 14, 2013 at 07:41  Comments (14)  

Non mancano

 
i profumi
a vezzeggiarmi
in ogni angolo
sulla riva
a Camogli
nè gatti che
si stirano nel sonno
schiuma che pare
emergermi dal petto
per entrarci dentro
nè mancano
quelle nuvole strane
fatte di pezze
per giocare
al travestimento
nè vecchie vele sul molo
coperte di tortore
e quel mormorio
dei pescatori stanchi
ormai soli davanti
all’eternità
e l’odore caldo
d’olio e basilico
che gratta l’ascella
come un bacio d’amore.
 .
Mi pare d’essere appagata
per un attimo di secondo.

Tinti Baldini

Published in: on maggio 14, 2013 at 07:32  Comments (12)  

Due cigni in volo

Nell’infinito del cielo
Due candidi cigni
Trasportati dal vento
Verso paesi caldi
In orizzonti lontani
Dirigono le ali
Destinazione ignota
Se mai arriveranno
A completare il volo
E a spiumarsi un poco
Per erigere un riparo
Da perfidi sguardi

Danila Oppio

Published in: on maggio 14, 2013 at 06:59  Comments (6)