Lo stagno

Ritrovarsi trasparenti
con le mani nell’acqua
con volti spalmati
tra cerchi concentrici
e rami piangenti
di azzurre cortecce
e sassi ordinati
nella biblioteca del tempo.
*
Sporcarsi la faccia
col fiore di zolfo,
dissolversi nel fumo
rarefatto del primo mattino
cercando pietà tra i muschi
dei tronchi, ripetendo col dito
il disegno che ha impresso
il vento del nord.

Lorenzo Poggi

Published in: on maggio 26, 2013 at 07:43  Comments (5)  

Mattino

.
Apro gli occhi
e ti vedo
eucalyptus
frondoso
nel riquadro
della finestra.
 
“Buongiorno”
mi sussurri
mentre
il tuo sguardo
indugia
nella camicia
trasparente.
 
Avrei voluto
farmi accarezzare
dalle tue mani
di foglie
ma…
sono arrossita
in magico verde.
.
Graziella Cappelli
.
Published in: on maggio 26, 2013 at 07:43  Comments (6)  

Lo stampo dei tuoi denti tra le mie cosce

 
C’è qualcosa di misterioso nelle tue parole
quando cerco di agguantarle sembro uno stupido pesce
fuori dall’acqua
che tenta di rubare respiro al prodigio del cielo
e muoio boccheggiando…
il mondo passa in fretta come una chiacchierata di asfalti e di ritardi
le mezze cose che ti ho detto
le puoi trovare complete nell’assurdo teatro dei miei fogli:
ti ho amata
non avevo altro da fare
domani mi vestirò di luce e colore
e cose del genere.
 .
Le foglie cadono man mano che muoiono
io ho camminato tutto il giorno prima di piangere
impaurito dalla mia triste voce
e dal trillo degli uccelli
in lusinghiere invenzioni di sogno
ma per tutto il tempo
                                 solo
                                       con lo stampo dei tuoi denti tra le mie cosce…

 Massimo Pastore

Published in: on maggio 26, 2013 at 07:34  Comments (1)  

M’ama, non m’ama

M’ama, non m’ama. Senza uccider fiori,
dirmi così da tutto l’universo
ascolto sempre e dal mio core istesso;
starò a veder su qual dei due si ferma.
No, non domando al fior. Se il fior sapesse
gli chiederei soltanto s’è felice.
Ma il fior l’ignora, e chi potrebbe dirlo
mi niega per pietà questo conforto.
Un pensier mi ferisce. E se il poeta
s’accendesse d’amor per le soavi
figure ch’egli crea! Strano pensiero!
Davver di questi non ne avevo un tempo.

ANTONIO FOGAZZARO

Published in: on maggio 26, 2013 at 07:25  Comments (1)  

Buon compleanno

Pietra miliare

Dedicata a mio figlio

Buon compleanno.
Un vento sfoglia pagine del libro.
È una pietra miliare
ogni passaggio che segna l’arco
dove il tempo sfoggia
le quattro facce come un carosello
nel suo prodigioso andirivieni,
e tinge la natura coi pennelli
che ripetono il verso
delle nuvole, del sereno, 
del fiorire sfiorire rinverdire
coi suoi pastelli e voglia di colori.
Buon compleanno Mario
a questo evento
che passa a fil di maggio
carezzato
da fiori, dagli uccelli
che accendono il giardino di auguri:
Salute, gioia, amore…
Trenta volte hai incontrato
sul sentiero
questa pietra miliare
che calca sul registro della vita.
Ora sei nel folto…
auguri di proseguire attento,
dell’Angelo Custode che ti segua…
a questo giorno dove il tempo canta
con tutti i fiori
e ti regala
il profumo, la musica, e il sole.

Giuseppe Stracuzzi

Published in: on maggio 26, 2013 at 06:52  Comments (6)