Bologna

 
Bologna
la dotta
la disinvolta
tortellini e mortadella
Bologna
la bella
vedetta
sui colli bolognesi
col rosso rubino del barbera
un riflesso nei tramonti, verso sera
ritrovo il tuo cammino  
da via Begatto qualche volta passo
dentro le viscere dei portici vecchi
dove dormono piccioni, tra i vicoli stretti
Bologna mi guidi?
mi porti camminando
sotto le arcate dipinte
fino al colle di San Luca?
Bologna
matrona
brezza leggera in Montagnola
dove a giorni ritorna il rito
della tua Piazzola!
Sei nelle merlate
di palazzo Re Enzo
sei alla fontana del Gigante
con un dio di bronzo fra zampilli
che calza il tridente
la fronte incoronata da sempre.

Aurelia Tieghi

Published in: on ottobre 9, 2013 at 07:35  Comments (11)  

Dico tacitamente

 
che le stelle illuminano
il mondo circondano
di celati segreti
nel luminare selciati
solitari attraversati
da uomini soli
viandanti di notti
buie e mute
per chi gli occhi
chiude immutati
dalle follie del giorno…
 .
Dico tacitamente
 .
che gli umori della terra
avvertono le anime
angosciate del tempo
che scorre come fiume
in piena assale informe
case, vie, ponti
seppellendo solitudini
viste da nessuno
prede inermi
di onnivore gesta
e vedere più non basta…
 .
Dico tacitamente
 .
che illude il violino
suonato nella notte
dalle stelle affacciate
a guardare sconsolate
vite che scorrono
su un inutile pentagramma
unicamente certo il dramma
inanimato e taciuto
di chi passa la vita
inosservato per le vie
notturne chiare alla vista
unicamente delle stelle…

Antonietta Ursitti

Published in: on ottobre 9, 2013 at 07:33  Comments (6)  

Beffardo futuro

Non ho più respiro
dentro la mia stanza d’ufficio
colma di stantia fatica
spesa su incomprensibili carte.
E’ l’aria che manca,
prigioniero irrimediabilmente
in questo luogo straniero.
La mente diviene pesante,
i movimenti estranei ad ogni volontà,
la coscienza evade dal cervello, e mi
si spande ectoplasma irrisolto e alieno
in un etere gonfio di fumose speranze
mal riposte in un beffardo futuro.

Enrico Tartagni

Published in: on ottobre 9, 2013 at 07:13  Comments (2)  

Se vi pare

 
Le leggo ad una  ad una  per la mia fortuna
ricerco quel cantare che mi farà sognare
del resto che cos’è? Se non comunicare
quando io lo sento accendo la mia luna
 .
non parlerò di quelle che per me non sono belle
risplendono alcune che sono come stelle
ma poi guardando bene son come le mie pene
riflettono una luce che non gli appartiene
 .
del resto che cos’e? Se non comunicare
di come tu la vivi, di come tu la senti
di come tu la pensi in tutti i tuoi momenti
la chiami poesia, tu  la vai a intonare
 .
del resto poi  la metti insieme nel filare
con tante altre che stanno lì a cantare
e quando gl’altri ti vengono a trovare
non rispondi mai, non è… comunicare

Il Passero

Published in: on ottobre 9, 2013 at 07:10  Comments (10)  

Inno alla notte

WELCHER LEBENDIGE?

Welcher Lebendige,
Sinnbegabte,
Liebt nicht vor allen
Wundererscheinungen
Des verbreiteten Raums um ihn
Das allerfreuliche Licht ?
Mit seinen Stralen u[nd] Wogen
Seinen Farben,
Seiner milden Allgegenwart
Im Tage.
Wie des Lebens
Innerste Seele
Athmet es die Riesenwelt
Der rastlosen Gestirne
Die in seinem blauen Meere schwimmen,
Athmet es der funkelnde Stein,
Die ruhige Pflanze
Und der Thiere
Vielgestaltete,
Immerbewegte Kraft ?
Athmen es vielfarbige
Wolken u[nd] Lüfte
Und vor allen
Die herrlichen Fremdlinge
Mit den sinnvollen Augen
Dem schwebenden Gange
Und dem tönenden Munde.
Wie ein König
Der irrdischen Natur
Ruft es jede Kraft
Zu zahllosen Verwandlungen
Und seine Gegenwart allein
Offenbart die Wunderherrlichkeit
Des irrdischen Reichs.
Abwärts wend ich mich
Zu der heiligen, unaussprechlichen
Geheimnißvollen Nacht ?
Fernab liegt die Welt,
Wie versenkt in eine tiefe Gruft
Wie wüst und einsam
Ihre Stelle!
Tiefe Wehmuth
Weht in den Sayten der Brust
Fernen der Errinnerung
Wünsche der Jugend
Der Kindheit Träume
Des ganzen, langen Lebens
Kurze Freuden
Und vergebliche Hoffnungen
Kommen in grauen Kleidern
Wie Abendnebel
Nach der Sonne,
Untergang.
Fernab liegt die Welt
Mit ihren bunten Genüssen.
In andern Räumen
Schlug das Licht auf
Die lustigen Gezelte.
Sollt es nie wiederkommen
Zu seinen treuen Kindern,
Seinen Gärten
In sein herrliches Haus?
Doch was quillt
So kühl u[nd] erquicklich
So ahndungsvoll
Unterm Herzen
Und verschluckt
Der Wehmuth weiche Luft,
Hast auch du
Ein menschliches Herz
Dunkle Macht?
Was hältst du
Unter deinem Mantel
Das mir unsichtbar kräftig
An die Seele geht?
Du scheinst nur furchtbar ?
Köstlicher Balsam
Träuft aus deiner Hand
Aus dem Bündel Mohn
In süßer Trunkenheit
Entfaltest du die schweren Flügel des Gemüths.
Und schenkst uns Freuden
Dunkel und unaussprechlich
Heimlich, wie du selbst, bist
Freuden, die uns
Einen Himmel ahnden lassen.
Wie arm und kindisch
Dünkt mir das Licht,
Mit seinen bunten Dingen
Wie erfreulich und gesegnet
Des Tages Abschied.
Also nur darum
Weil die Nacht dir
Abwendig macht die Dienenden
Säetest du
In des Raums Weiten
Die leuchtenden Kugeln
Zu verkünden deine Allmacht
Deine Widerkehr
In den Zeiten deiner Entfernung.
Himmlischer als jene blitzenden Sterne
In jenen Weiten
Dünken uns die unendlichen Augen
Die die Nacht
In uns geöffnet.
Weiter sehn sie
Als die blassesten
Jener zahllosen Heere
Unbedürftig des Lichts
Durchschaun sie die Tiefen
Eines liebenden Gemüths,
Was einen höhern Raum
Mit unsäglicher Wollust füllt.
Preis der Weltköniginn,
Der hohen Verkündigerinn
Heiliger Welt,
Der Pflegerinn
Seliger Liebe
Du kommst, Geliebte ?
Die Nacht ist da ?
Entzückt ist meine Seele ?
Vorüber ist der irrdische Tag
Und du bist wieder Mein.
Ich schaue dir ins tiefe dunkle Auge,
Sehe nichts als Lieb u[nd] Seligkeit.
Wir sinken auf der Nacht Altar
Aufs weiche Lager ?
Die Hülle fällt
Und angezündet von dem warmen Druck
Entglüht des süßen Opfers
Reine Glut.

§

Quale vivente,
dotato di sensi,
non ama tra tutte
le meravigliose parvenze
dello spazio che ampiamente lo circonda,
la più gioiosa, la luce?
Coi suoi colori,
coi raggi e con le onde;
la sua soave onnipresenza
di giorno
che risveglia?
Come la più profonda
anima della vita
la respira il mondo gigantesco
delle insonni costellazioni,
e nel suo flutto azzurro
nuota danzando –
la respira la pietra scintillante,
che posa in eterno,
la pianta sensitiva che risucchia,
l’animale multiforme,
selvaggio e ardente –
ma più di tutti
il maestoso viandante
con gli occhi pieni di profondi sensi,
col passo leggero, e con le labbra
ricche di suoni
dolcemente socchiuse.
Quale regina
della natura terrestre
chiama ogni forza
a mutamenti innumerevoli,
annoda e scioglie vincoli infiniti,
avvolge ogni essere terrestre
con la sua immagine celeste. –
La sua sola presenza manifesta
il meraviglioso splendore
dei reami del mondo.
Da lei mi distolgo e mi volgo
verso la sacra, ineffabile
misteriosa notte.
Lontano giace il mondo –
perso in un abisso profondo –
la sua dimora è squallida e deserta.
Malinconia profonda
fa vibrare le corde del mio petto.
Voglio precipitare
in gocce di rugiada
e mescolarmi con la cenere. –
Lontananze della memoria,
desideri di gioventù,
sogni dell’infanzia,
brevi gioie e vane speranze
di tutta la lunga vita
vengono in vesti grigie,
come nebbie della sera
quando il sole è tramontato.
In altri spazi
piantò la luce le festose tende.
Mai più ritornerà
ai suoi figli che l’attendono
con fede d’innocenti?
Che cosa a un tratto zampilla
grondante di presagi
sotto il cuore
e inghiottisce la molle brezza
della malinconia?
Da noi derivi a tua volta piacere,
o buia notte?
Quale cosa tu porti sotto il manto
che con forza invisibile
mi penetra nell’anima?
Delizioso balsamo
stilla dalla tua mano,
dal mazzo di papaveri.
Le gravi ali dell’anima tu innalzi.
Noi ci sentiamo oscuramente
e ineffabilmente turbati –
con gioioso spavento
vedo un volto severo
che su di me si china
dolce e devoto,
e svela tra i riccioli
senza fine intrecciati
la cara giovinezza della madre.
Come infantile e povera
mi sembra ora la luce –
come grato e benedetto
l’addio del giorno –
Solo perché la notte distoglie
e allontana da te i tuoi fedeli,
tu seminasti per gli spazi immensi
le sfere luminose, ad annunziare
l’onnipotenza tua –
il tuo ritorno –
nel tempo della tua lontananza.
Più divini
delle stelle scintillanti
ci sembrano gli occhi infiniti
che in noi la notte dischiude.
Vedono oltre
le più pallide gemme
di quelle schiere innumerevoli –
non bisognosi di luce
frugano nel profondo
di un’anima amante –
voluttà ineffabile
colma uno spazio più alto.
Lode alla regina del mondo,
alta annunziatrice
di mondi santi,
custode del beato amore,
che a me ti manda –
tenera amata –
amabile sole notturno, –
ed ora veglio –
sono Tuo e Mio –
la notte mi annunziasti come vita –
mi hai fatto uomo –
consuma con l’ardore
dell’anima il mio corpo,
perché lieve nell’aria
con te più strettamente io mi congiunga
e duri eterna
la notte nuziale.

NOVALIS

Published in: on ottobre 9, 2013 at 07:08  Comments (1)