Cara piccina

Son trenta giorni che vi voglio bene,
son trenta notti che non dormo più.
Non ve ne addolorate, ma conviene
che non mi abitui ancora a darvi il “Tu”.

No, cara piccina no,
così non va.
Diamo un addio all’amore
se nell’amore è l’infelicità.

Negli occhi avete la malinconia,
nel core avete la felicità.
Ogni lacrima vostra è una bugia
che ha tutta l’aria della verità.

No, cara piccina no,
così non va.
Diamo un addio all’amore
se nell’amore è l’infelicità.

Forse è l’addio se non verrò stasera,
piccina mia non aspettarmi più.
Addio mio sogno, addio mia primavera,
nel dirti addio ti voglio dare il “Tu”.

No, cara piccina no,
così non va.
Diamo un addio all’amore
se nell’amore è l’infelicità.

Diamo un addio all’amore
se nell’amore è l’infelicità.

LIBERO BOVIO      (musica di Gaetano Lama)

Published in: on ottobre 17, 2013 at 07:40  Comments (5)  

Naucrates ductor (Pesce pilota)

Sedersi di fronte all’antico acquario
e attenti ammirare il vecchio squalo.

Sorprende una copiosa vista di pescini
puliscono con cura, sopra, sotto, ai lati,
tra le denta immacolate e, anche dietro.
E’ documentato, non è dato per volgare
con cura lo nettono intorno al deretano.

Danzano al ritmo delle onde sotto il pelo
colpisce lo strizzare gli occhi verso dietro
sornioni tendere al canto che sirene attira
squali pronti al nuovo, che lento s’avvicina.

Aria di chi sta per perdere un bel pasto
anche se, una tantum gli tocca pure l’ano
ognuno vuol tenersi, il faticato scranno.

Chi è fuori dall’acquario importa nulla
nasare il tanfo nel cambio di sudario.
Gli altri dalla natura hanno capito:
E’ sacro e non profano vivere là
dove la mente anestetizza il cuore.

Giampietro Calotti C.

Published in: on ottobre 17, 2013 at 07:31  Comments (3)  

Io canto

 
stride a volte
la voce
per il fumo e il pianto
brilla di luce se
mi siedo accanto
a te ragazza
dagli occhi di tè
grandi come enormi gorghi
che spalmi la vita
e la ingoi
e a te fanciullino
già scosso da pene
d’amore
a te che nuoti senza
respiro e mai arrivi
per trovare pace
a voi che cercate un futuro
e v’incantate ancora
a sorridere alla luna
a noi stanchi d’ossa
e di cuore ma
con braccia di rami frondosi.
 .
La poesia mi dà il canto
.
Tinti Baldini
Published in: on ottobre 17, 2013 at 07:30  Comments (11)  

Una finestra sul mare

Alla marina ci sta una finestra
che aspetta da tanto una voce
che arrivi dal mare.
E’ guarnita di gerani e d’amore,
di fazzoletti stracciati dal vento del sud,
di occhi perduti dietro persiane e speranze,
di sguardi con la coda degli occhi
per non inimicarsi il destino.

Sale nella mente una canzone,
è ingrigita dal tempo,
ricorda a stento
quando ci si rincorreva
sugli scogli.

Lorenzo Poggi

Published in: on ottobre 17, 2013 at 07:22  Comments (4)  

Frammenti d’amore

Frammenti

Le mani contro
richiamo i fianchi…
rotolano i minuti
nelle volute del respiro
s’affretta il cuore
mentre taccio
ed ascolto
parlare i tuoi occhi
e la voce
è morbida di poesia
fra le dita impastate di te
dei tuoi sussurri
fra i capelli
ambra e sale
cristalli tra le ciglia
frammenti d’ amore.

astrofelia franca donà

Published in: on ottobre 17, 2013 at 07:10  Comments (5)