Munasterio ‘e Santa Chiara

Dimane?…Ma vurría partí stasera!
Luntano, no…nun ce resisto cchiù!
Dice che c’è rimasto sulo ‘o mare,
che è ‘o stesso ‘e primma…chillu mare blu!

Munasterio ‘e Santa Chiara…
tengo ‘o core scuro scuro…
Ma pecché, pecché ogne sera,
penzo a Napule comm’era,
penzo a Napule comm’è?!

Funtanella ‘e Capemonte,
chistu core mme se schianta,
quanno sento ‘e dí da ‘a gente
ca s’è fatto malamente
stu paese…ma pecché?
No…nun è overo…
no…nun ce créro…
E moro cu ‘sta smania ‘e turná a Napule…
Ma ch’aggi”a fá?…
Mme fa paura ‘e ce turná!

Paura?…Sí…Si fosse tutto overo?
Si ‘a gente avesse ditto ‘a veritá?
Tutt”a ricchezza ‘e Napule…era ‘o core!
dice ch’ha perzo pure chillu llá!

Munasterio ‘e Santa Chiara…
‘Nchiuse dint’a quatto mura,
quanta femmene sincere,
si perdévano ll’ammore,
se spusavano a Gesù!

Funtanella ‘e Capemonte…
mo, si pèrdono n’amante,
giá ne tènono ati ciento…
ca, na femmena ‘nnucente,
dice ‘a gente, nun c’è cchiù!
No…nun è overo…
No…nun ce crero…
E moro pe’ ‘sta smania ‘e turná a Napule!
Ma ch’aggi”a fá…
Mme fa paura ‘e ce turná!

Munasterio ‘e Santa Chiara…
Tengo ‘o core scuro scuro…
Ma pecché, pecché ogne sera,
penzo a Napule comm’era
penzo a Napule comm’è?!…

MICHELE GALDIERI

 

Published in: on novembre 7, 2013 at 07:30  Comments (3)  

I due fratelli

 
Quell’altra sera
c’era ancora la strada
ma nel rumore straniero
delle persone che andavano
a pensarti
qualcosa mi ha stretto
sembrava l’odore del pranzo
dal volume così tanto forte
l’odore
il rumoroso odore
dei nostri giocattoli
l’odore dei giorni così
l’uno per l’altro
delle cose belle e storte
l’odore delle sere
che si parlava insieme
ed era già tardi
se passava la mamma
e tu nella stanchezza
che per dormire
inizi a  chiedermi
di spegnere la luce

Antonio Blunda

Published in: on novembre 7, 2013 at 07:28  Comments (5)  

Da lontano

Da lontano
 
È luce
di un nuovo giorno
inconscio irrefrenabile
Volgo a te
Pago sospiro dipinto sul mio viso
Intrepida attendo l’orada lontano appari
con passo furtivo ti avvicini
cerchi
con sguardo letizia
frugando fra gli spazi nell’aria
dirigi il tuo occhio all’orizzonte
cercando il tuo gioire

riesci a scoprirmi ed afferrare in fretta un bacio mio
che impeto vola per aleggiare fino a te

e nel fragore dell’emozione
sostiamo i nostri sguardi e i nostri animi
su morbide nuvole di adrenalina
gustando in fretta l’attimo prima che un impervio alitare lo porti via

Rosy Giglio

Published in: on novembre 7, 2013 at 07:13  Comments (8)  

Sessantanni

 
Bagaglio di esperienze, di ricordi
e tutto questo serve a chi?
Come usare questo bagaglio?
Dopo aver cancellato ciò che mi faceva male,
ricordi tristi di un’infanzia malinconica 
senza giochi ma con tanti doveri.
Sembra che tutto sia passato
come le nuvole in cielo soffiate via dal vento,
come le onde del mare
che vanno ad infrangersi sugli scogli
per poi tornare al mare.

Gianna Faraon

Published in: on novembre 7, 2013 at 06:54  Comments (5)  

Umanità e droga

Umanità e droga
 
In questo giorno che mi marchierà tra poco
Della stessa sofferenza di ieri
Prima che l’alcole spenga la mente
Prima che l’acido geli la vena e
Plachi il dolore
Prima che inizi il conto delle ore
Tra uno spasmo e il seguente
Prima dello straniamento
E dei lampi di cristallo
Della perdente ricerca
D’una presenza purchè sia
 .
Un sogno di normalità mi regalo
 .
L’immagine d’un uomo mai scisso
Fra l’essere oggetto e soggetto
Guancia che si scalda al tocco di una mano
Mano che si sporge per una carezza ai fianchi
Labbra che si stendono al sorriso
E si schiudono ad un bacio
Occhi senza opacità
Degni di sostenere sguardi
E accettare introspezioni
Braccia aperte come ali
Pronte a chiudersi su te per celebrare
Dono e sacrificio
 .
un sogno di normalità

Carlo Baldi

Published in: on novembre 7, 2013 at 06:53  Comments (7)