ALTRA COSA E’ LA FELICITA’

Al tempo che rimane affido
il senso d’una vita vaga,
il sogno mio da scartocciare
tra stille pregne di sudore.

Toccare un cielo sereno,
comprimerlo tra queste mani
e sentirne l’odore che fa.
Soltanto ciò, non oso di più…

.
Roma, 31 Dicembre 2013
Con l’augurio per tutti voi cantieristi di quella serenità che spero arrivi a braccetto del nuovo anno!

.
Aurelio

Published in: on dicembre 31, 2013 at 20:52  Comments (6)  

ANNO NUOVO

 
 
Alziamo tutti
noi germani la testa
non lasciamoci fasciare il cuore
o i sensi
 .
nuova linfa facciamo
uscire sana e limpida
osanniamo il vero e
versiamo lacrime calde su chi soffre
o non saremo più ciò che volevamo essere.

Tinti Baldini

Tinti agli amici di penna per un anno come “il faut”

 

Published in: on dicembre 31, 2013 at 08:00  Comments (14)  

La tenda di perline

 
Mentre separa allo stesso adorna
scroscia verso terra la sua pioggia di perle trasparente
ondeggiando dalla lieve brezza
riverbera  scintilli di luce abbaglianti
carambolando grandine alle parete
e tu, dentro, fuori,  frusciavi impaziente tra di lei
sempre in attesa
forse di giorni migliori.
 .
Anche oggi ancora
Leggera , nasconde, protegge 
da piccoli invasori, acuti pungiglioni
e tu che frusci solo nel ricordo
che sempre conservo
come lei i suoi riverberi.

Rosy Giglio

Published in: on dicembre 31, 2013 at 07:42  Comments (6)  

Il seme della parola

 
Il seme della parola
ara la foresta dell’anima
pietrifica l’acqua
scarnifica la roccia
frantuma vasi di dolore
assorbe nettare d’api
la parola leggera e pesa
svuota d’apparenza la sostanza
e ti lascia nuovo
se le concedi la possibilità di farlo
se di certezza ne fai dubbio
se d’ombra ne fai luce
se di rifiuto ne fai accoglienza
se d’amore ne rivesti l’odio.

Roberta Bagnoli

Published in: on dicembre 31, 2013 at 07:37  Comments (8)  

Un aspirapolvere per l’anno nuovo

UN ASPIRAPÅLLVER PAR L’ÂN NÔV

Arêv da tôr la panna e ‘avanti tutta!’
ché a sän pròpi arivè ala fen dl’Ân,
dal’antipâst a sän finé ‘alla frutta’
e al sinpâtic am tanpèla con afân.

(… puntén… puntén… puntén)

Ai ho cgnusó un amîg da socuànt Ân
che una puesî l’um manda par Nadèl,
quand on s’arcôrda ed té l’é un’emoziån
t’ai è d’arspånnder svelt pr’an fèr parmèl.

E alåura a ciâp in man la mî canatta
e a scrîv guardànd indrî al’Ân finé,
pò am lèv äl dîda con la savunatta
parché l’inciòster blú al m’i ha macè.

A vói tachèr l’Ân Nôv tótt quant pulé
l’é al quèl pió fâzil mo… a sän tant tócc
che quand se vdän dmandän ‘cus èt cunprè?’
zarcànd intåuren cómm di patalócc.

Allah, zarchèr stra i prè una pimpinèla
pò scrûvr’int i rivèl un pivirån,
pruvèr d saltèr alzîr cme una dardèla
e vàdder che a sän vîv se apanna al vlän!

Al ghéttel d’na pajûgla al’inpruvîs
pisèrs adòs dal rédder sänza pôra,
strichèr una pansé stra vîs e vîs
sått’una lòuna péina in fén ch’l’an môra.

Dai ângol di uc’ dåu lègrum càschen zå
pensànd a dròga e a guèra e a malatî:
s’inpgnàggna int l’ÂN NÔV a dèr cumià
a tótti quanti el brótti bujarî?

Fan sé ch’i cràssen san tótt i anvudén,
ch’i n’èven soferànza grand o cén,
ch’i viàzn alzìr in gròpa a un pulidrén
fantâstic cme i insónni d’un indvén!

(… puntén … puntén … puntén )

Un bån aspirapållver pr’i fantèsma,
pò da cminzéppi a fén col mî stilnôv
a tridarò i nemîg e i cataplèsma
e aerôbic andarò… dantr’al’ÂN NÔV!

§

Dovrei prendere penna e ‘avanti tutta!’
ché siamo proprio giunti a fine d’anno
dall’antipasto eccoci ‘alla frutta’
e pulsa il mio simpatico in affanno.

(… puntini… puntini… puntini)

Ho conosciuto un amico da qualche anno
che mi manda una poesia per Natale,
quando uno si ricorda di te è un’emozione
devi risponder svelto per non far permale.

E allora prendo in mano la mia cannetta
e scrivo l’occhio indietro all’anno passato,
poi mi lavo le dita con la saponetta
perché l’inchiostro blu me le ha macchiate.

Voglio iniziare l’Anno Nuovo tutto sgurato
è la cosa più facile ma… siam tanto tocchi
che quando ci vediamo chiediamo ‘che hai comprato?’
cercando intorno come degli allocchi.

Allah, cercar fra i prati una pimpinella
poi scoprire fra le prode un chiurlo reale,
provare di saltar leggero come una chiacchiera
e vedere che siam vivi se appena lo vogliamo!

Al solletico di una pagliuzza all’improvviso
pisciarsi sotto dal ridere senza paura,
stringere una pansé fra viso e viso
sotto una luna piena finché non muoia.

Dagli angoli degli occhi due lacrime cadono giù
pensando a droga e a guerra e a malattie:
c’impegniamo nell’ANNO NUOVO a dar commiato
a tutte quante le furfanterie?

Facciam che crescan sani tutti i nipotini,
che non abbiano sofferenza grandi o piccini,
che viaggino leggeri in groppa a un puledrino
fantastico come i sogni di un indovino!

(… puntini… puntini… puntini)

Un buon aspirapolvere per i fantasmi,
poi da principio a fine col mio stilnovo
io triterò i nemici e i cataplasmi
e aerobico entrerò nell’ANNO NUOVO!

Sandro Sermenghi

Published in: on dicembre 31, 2013 at 07:33  Comments (4)  

Forse che…?

 
La poesia io non la comando
lei sempre come tarlo s’insinuava
tra le mie dita e il foglio
era la zattera che mi trasportava
dolce nella vertigine del verso
tra sponde che il cervello assicurava.
 .
Da tempo quel timone io l’ho perso
e già altre volte;  vagando alla deriva
annaspo in questo vuoto di parole.
Forse il sole, giunto al tramonto
ha spento il timer della mia poesia?
O che sia Alzheimer?

Viviana Santandrea

Published in: on dicembre 31, 2013 at 07:25  Comments (6)  

Gazzella dell’amore disperato

GACELA DEL AMOR DESESPERADO

La noche no quiere venir
para que tu no vengas,
ni yo pueda ir.

Pero yo iré,
aunque un sol de alacranes me coma la sien.

Pero tu vendrás
con la lengua quemada por la lluvia de sal.

El día no quiere venir
para que tu no vengas,
ni yo pueda ir.

Pero yo iré
entregando a los sapos mi mordido clavel.

Pero tu vendrás
por las turbias cloacas de la oscuridad.

Ni la noche ni el día quieren venir
para que por ti muera
y tú mueras por mí.

§

La notte non vuole venire
perché tu non venga
e io non possa andare.

Ma io andrò
benché un sole di scorpioni mi mangi la testa.

Ma tu verrai
con la lingua bruciata dalla pioggia di sale.

Il giorno non vuole venire
perché tu non venga
e io non possa andare.

Ma io andrò
portando ai rospi il mio garofano morsicato.

Ma tu verrai
nelle cupe cloache dell’oscurità.

Né la notte né il giorno non vogliono venire
perché io muoia per te
e tu per me.

FEDERICO GARCIA LORCA

Published in: on dicembre 31, 2013 at 06:59  Comments (4)  

Natività

Natività3

qui
in questo pezzo di mondo
null’altro dell’essere mio
infinitamente ebbra di vita
qui
in questa notte di comete
un vento antico reca nuove melodie
e rapisce magicamente il cuore

astrofelia franca donà

Published in: on dicembre 30, 2013 at 07:27  Comments (5)  

Il bucato

Bucato

Tu allegra stendi il tuo bucato ha i colori vivi delle stelle
nell’aria un cantiere svolazzante di bianchi e di profumi 
sul filo teso stesa una metà della mia vita
alle mollette puntigliose cotoni fini e morbido di lane
appese asciutte lacrime passate dalla pelle al cuore
il tuo sapone qualche volta è candido bacio liscio umido d’acqua
altre l’odore dell’addio da strofinare macchie e sgarbi della rabbia
non voglio essere eroe dentro al letto
solo essere pulita camicia dell’amore
e che tu stendi felice al sole del tuo filo.

Enrico Tartagni

Published in: on dicembre 30, 2013 at 07:20  Comments (5)  

Una piccola finestra illuminata

Resta sveglia sino alle tarde ore.
Sopra lo scrittoio dormono, ipnotizzati
I versi datati con orgasmi precoci
Sono lingue affilate del Mauna Kea
Diventate gelo, negli inverni dei sogni…
Siamo lande cavalcate senza fretta
Gli zoccoli che ci trapassano come lance
Ci feriscono senza insanguinarci
Non lasciano orma i cavalieri della notte
I bianchi fazzoletti nel petto, donati
Dalle loro dame
Come bandiere di ampie conquiste
Grottesche dalla cima ai piedi.
Quale raggio sconfiggerà
Gli alti muri del mio castello
E mi salverà
Prima che m’afferri la morte
Prima che la luce in fondo al tunnel
Sia solo percepita ad occhi chiusi
Conscia d’esser cieca e quella luce
Valga l’eternità
Al crepuscolo sono morta
Un attimo prima
Pensandoti.

Anileda Xeka

Published in: on dicembre 30, 2013 at 07:17  Comments (4)