Momenti

Catturo ancora momenti
come diafani voli di falene
rubati a questa notte clandestina.

Massimo Reggiani

Published in: on gennaio 25, 2014 at 07:48  Comments (10)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2014/01/25/giochi/trackback/

RSS feed for comments on this post.

10 commentiLascia un commento

  1. Grazie Massimo per questa Tua bellissima e dolcissima lirica.
    Immagini, sentimenti, riflessioni di grande afflato poetico.
    Bravo!

    ggc

  2. Caro Massimo, con questa bella poesia hai srotolato la pergamena personale e poetica dei partecipanti al Cantiere e pure la tua.
    Il tuo affetto per noi, lo ascolto nascere dentro il cuore, Grazie a te!
    aurelia

  3. Grazie,
    per la tua ineguagliabile poesia che accomuna noi … “cuori di vecchi fanciulli”.
    Cordiali saluti
    Ciro

  4. Ma è un incanto, Massimo! Io sono felice di giocare con te , di sognare con te, mio amico.
    Sandra

  5. Grazie caro Max per questa dolce dedica
    che ci riempie di quella passione che Tutti accomuna
    in questo bellissimo gioco
    Ciao Il Passero

  6. Grazie Massimo per queste tue parole giocose e serie nello stesso tempo; grazie perchè le tue parole affratellano noi tutti al gentile tuo sentire, e l’essere accomunato a ‘sì belle anime è per me una immensa consolazione.
    Alberto Baroni

  7. Grazie, Massimo per questa dedica che mi apre il cuore. E’ stupenda, colma di amore in un gioco che fa tornare bambini.
    Bravissimo!

    Ciao, Graziella

  8. Caro Massimo che dal cuore della nostra Italia ci sistemi per benino su quest’albero della poesia che hai immaginato… Stamattina leggevo la tua tenera e graziosa -piena di grazia intendo- poesia e, non avendo il tempo di scrivere il commento, però lo maturavo nella mia mente, e mi dicevo:- Ha giustamente il dono dell’ubiquità perchè lui è lì insieme a noi, a giocare sui rami, ma è anche tronco e radici -casa comune- del grande albero che ci tiene… ma poi rileggo con più attenzione e ti trovo anche là, sulla finestra che ci guardi… uno e trino allora!
    Tutta la tua poetica confessione strappa un abbraccio di gratitudine, ma quello che veramente mi ha commosso e che dà il segno della tua giovinezza interiore è quel:- … vi cerco impaziente e mi sporgo..-
    Carlo

  9. Che gioia leggere questa tua, così armoniosa e viscerale, ci onora grazie Massimo, sei grande. Rosy

  10. Caro Massimo, sei straordinario, ha dipinto la nostra storia che é quella del cantiere, coi pennellii del cuore.
    Grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!
    Giuseppe


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: