Alito

.
ho sentito il tuo alito
e la tua voce
lontani
 
parole in fuga
chiuse
senza lucchetto
 
profumate
d’amore
sempre
 
per destino
per volontà
non tua
 
sono solo
dentro un silenzio
che fa rumore
 
e mi porta
col vento
sopra la tua nuvola
 
che abbraccio
.
Gavino Puggioni
Published in: on febbraio 6, 2014 at 07:40  Comments (6)  

E se davvero esisti, dio, riprenditi il respiro a primavera

Avanza da tegole grondanti
l’apatia dell’inverno lungo i vetri
_giù nella casa un poco di tepore_
il gelo invade intorno e un altro giro
chiede il giardino spoglio
il grigiosporco ruvido dei muri

una mattina come un’altra, ieri
_mi cercavo l’ignoto e il segnapassi_
e nel rigore
delle braccia avvinghiate a un lavandino
i resti del coraggio erano persi

anelavo la tregua
fosse pure il calore d’un cerino
e che la mente
subisse ancora qualche scossa
prima che il ghiaccio m’invadesse
partendomi dai piedi fino al cuore
_vidi me stessa diventare marmo_
e seppi che la vita è moto e fiamma
la morte stasi gelida e silente

datemi un prato di giunchiglie

Cristina Bove

Published in: on febbraio 6, 2014 at 07:36  Comments (6)  

Mancanza

Lapide

Quella vertigine di malinconia
un languore nell’anima
quel battito d’ali nel petto
insopprimibili le lacrime
quel vuoto nello stomaco
ogni volta
davanti a quella lastra di marmo
a quella foto
vecchia di anni
sempre la stessa…
Ogni volta.

Sandro Orlandi

Published in: on febbraio 6, 2014 at 07:22  Comments (10)  

Storia d’amore

 

X un riverbio d’amore
è + che sufficiente
1/4 d’ora
dietro un tetto
Quanto alla luna….
impettita al suo posto
aspetta
facendo ondeggiare sulla terrazza
un sorriso di vetro
…è un’abitudine
difficile da abbandonare
Il vero lavoro
è sempre quello d’amare?
La domenica
la camicetta bianca…
la forma verde-rossa
non l’ho proprio capita !
Uno strano senso di vuoto…
Ieri:
un cuore … una rosa…
Oggi:
…com’è dolce la nostra casa!
Logico.

Giovanni De Simone

 

Published in: on febbraio 6, 2014 at 07:13  Lascia un commento  

‘Na sera ‘e maggio

Quanno vien’a ‘appuntamento
guarde ‘o mare, guard”e ffronne,
si te parlo nun rispunne,
staje distratta comm’a che.
Io te tengo dint”o core,
sóngo sempe ‘nnammurato
ma tu, invece, pienze a n’ato
e te staje scurdanno ‘e me…

Quanno se dice: “Sí!”
tiènelo a mente…
Nun s’ha da fá murí
nu core amante…
Tu mme diciste: “Sí!” na sera ‘e maggio…
e mo tiene ‘o curaggio ‘e mme lassá?!

St’uocchie tuoje nun só’ sincere
comm’a quanno mme ‘ncuntraste,
comm’a quanno mme diciste:
“Voglio bene sulo a te…”
E tremmanno mme giuraste,
cu na mano ‘ncopp”o core:
“Nun se scorda ‘o primmo ammore!…”
Mo te staje scurdanno ‘e me…

Quanno se dice: “Sí!”
tiènelo a mente…
Nun s’ha da fá murí
nu core amante…
Tu mme diciste: “Sí!” na sera ‘e maggio…
e mo tiene ‘o curaggio ‘e mme lassá?!

EGIDIO PISANO      (musica di Giuseppe Cioffi)

Published in: on febbraio 6, 2014 at 06:57  Comments (3)