PENSIERO

Piuma

Non tutte le infelicità conoscono la consolazione

Pierluigi Ciolini

Published in: on febbraio 12, 2014 at 09:43  Comments (7)  

Guardo l’iris

dai fluttuanti colori
si insinua la mente
forme sinuose
abbracciano lo sguardo
lieto si affaccia
catturato si immerge
si lascia irrorare
dal rosso, dal viola
azzurro e dorato
naviga inesperto
tra cromatiche onde…

Antonietta Ursitti

Published in: on febbraio 12, 2014 at 07:42  Comments (9)  

Il canto della tenebra

La luce del crepuscolo si attenua:
Inquieti spiriti sia dolce la tenebra
Al cuore che non ama più!
Sorgenti sorgenti abbiam da ascoltare,
Sorgenti, sorgenti che sanno
Sorgenti che sanno che spiriti stanno
Che spiriti stanno a ascoltare…
Ascolta: la luce del crepuscolo attenua
Ed agli inquieti spiriti è dolce la tenebra:
Ascolta: ti ha vinto la Sorte:
Ma per i cuori leggeri un’altra vita è alle porte:
Non c’è di dolcezza che possa uguagliare la Morte
Più Più Più
Intendi chi ancora ti culla:
Intendi la dolce fanciulla
Che dice all’orecchio: Più Più
Ed ecco si leva e scompare
Il vento: ecco torna dal mare
Ed ecco sentiamo ansimare
Il cuore che ci amò di più!
Guardiamo: di già il paesaggio
Degli alberi e l’acque è notturno
Il fiume va via taciturno…
Pùm! mamma quell’omo lassù!

DINO CAMPANA
Published in: on febbraio 12, 2014 at 07:41  Comments (3)  

State accorti

“sono le bambine
con le loro mossette
e occhi languidi
che ci cercano …”
” se stessero al loro
paese a lavorare..”
“ma le donne voglion sempre
dir la loro”
“chi parla di pace
si riempie la bocca”
“basta con la mafia
noi siamo un bel paese”
” la politica è sporca
meglio starne fuori”
“noi siamo la fede  e
la verità”
” ma chi sei tu
che mi porgi la mano
chi ti conosce'”
State accorti che
le mangiamo
con il pane, entrano
nelle ossa e le rosicchiano
succhiano linfa buona
scarnifcano carne e
disossano cuore
 
State accorti.

Tinti Baldini

Published in: on febbraio 12, 2014 at 07:38  Comments (10)  

Ignoto destino

Migliaia di pensieri
vorticano furiosamente
creando un immenso gorgo,
famelico e smanioso lupo
pronto a inghiottire
ogni cosa e ogni persona,

mentre lentamente
scende il sole per lasciare
posto a quelle tenebre
che in un moto selvaggio
avvolgono imperterrite
tutto ciò che incontrano.

Solo una luna di ghiaccio
riesce a illuminare,
col suo mesto sorriso,
una tempesta di schegge di vetro
che feriscono il cuore
di chi non ha più speranze.

Ma scendono lacrime
a sillabare la vita
con ridenti ricordi di bambini
che lieti ed innocenti giocano
e sembrano voler riappacificare
il passato con l’ignoto destino.

Patrizia Mezzogori

Published in: on febbraio 12, 2014 at 07:35  Comments (14)  

La fotografia

Finito il bianco cenere
il pallore della luna;
la pioggia sulle foglie è rimorso
e torna voglia
di un bagno nel mastello fatato dell’infanzia.
Del vento naturale spostato dalla gonna
delle ginocchia forti e fedeli sulla schiena.

Finito tutto quanto il romantico dei fiori
rimane solamente che tu rimpicciolisci
diventi la bambina e il suo strappo nel grembiule
la giustificazione di nonna

“ non ho niente,
per rammendare il nero di corvo che volete”

Se tolgo la cornice perfetta resta il tempo
un prato dove spargere gambe e sentimento;
soltanto i due orecchini scintillano
hanno voce.

a mia madre

Massimo Botturi

Published in: on febbraio 12, 2014 at 07:28  Comments (15)