Pianura

Vorrei capire dal cenno dei pioppi
Certe sere vorrei salire

sui campanili della pianura,

veder le grandi nuvole rosa
lente sull’orizzonte
come montagne intessute
di raggi.
dove passa il fiume
e quale aria trascina;
saper dire dove nascerà il sole
domani
e quale via percorrerà, segnata
sul riso già imbiondito,
sui grani.
Vorrei toccare con le mia dita
l’orlo delle campane, quando cade il giorno
e si leva la brezza:
sentir passare nel bronzo il battito
di grandi voli lontani.
.
ANTONIA POZZI
Published in: on febbraio 25, 2014 at 07:24  Comments (4)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2014/02/25/pianura/trackback/

RSS feed for comments on this post.

4 commentiLascia un commento

  1. Molto belle e delicate queste parole d’amore per la tua terra che poi è anche la mia; io abito in un paese Lombardo vicino al Po e quindi il paesaggio che così dolcemente abbracci mi è familiare.
    Splendida la chiusa.
    Alberto B.

  2. Amore sempre per le proprie radici raccontato in modo scorrevole e piano ,dolce e suadente…tinti

  3. Delicatissima ode d’amore alla propria terra.
    Patrizia

  4. versi che rendono visioni tanto nitide da sentirle a pelle, bellssima poesia ! astrofelia


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: