Gioia

 
Difficile e incauto
provare a descriver la gioia
tu punti la penna sul foglio
e già il sentimento svanisce
ti pare banale… annoia
perfino te stesso o il casuale lettore
eppure…
eppure mi accade di essere invasa
da ondate di gioia
come da adolescente
per uno sbadiglio del gatto
per cose da niente, così
o quando davanti al TV
se russi e mi fingo arrabbiata
mi dici “ero sveglio!”
poi ti riaddormenti lì per lì.
 
O ancora mi accade gioire
per questo annuncio di estate
colore di fuxia
per questa camelia
che sola fra i tanti bocciòli
ha osato fiorire;
per questo progetto di vita (mio, tuo)
da bere a piccoli sorsi
coscienti che non è infinita
e allora provare pudore
quasi quasi… a gioire.

Viviana Santandrea

Published in: on marzo 19, 2014 at 07:41  Comments (11)  

Come prima, più di prima

 
Se il buon giorno si vede dal mattino
poche speranze abbiamo per la sera.
Liste bloccate: ancora la fiera
dei nominati dal capo padrino.
 .
La giustizia? Ridotta a lumicino!
Sono ora garantisti a tutta sfera
confermando la trita sicumera
di chi si trova sotto il baldacchino.
 .
Pulizia non è di questo mondo                               
ed ancor meno di questo Paese.
La corruzione è un verme immondo
 .
che tutto avvolge e cerchia a larghe tese
e noi che del vortice siamo in fondo
siamo poi quelli che ne fan le spese.

Umberto Marinello

Published in: on marzo 19, 2014 at 07:38  Comments (4)  

Un giorno vedrai

Un giorno vedrai
e gli occhi avranno stupore
di fiori sbocciati a marzo
di parole lasciate appassire
e avrai sete di abbracci
di istanti scivolati nel tempo.
Un giorno sarai
non foglia ma ramo
e il vento saprà contare le stelle
raccogliere attimi
far sorgere il sole
anche dopo il tramonto.

astrofelia franca donà

ai figli, al mio che è diventato padre

Published in: on marzo 19, 2014 at 07:25  Comments (8)  

L’uva asprigna

 
Assaggio quest’uva asprigna
scesa dalle colline brumose
e cresciuta nel fango
dei filari zappati a mano.
Non è generoso il clima su queste colline.
L’autunno comincia ad agosto
e l’inverno è lungo sei mesi.
La gente ha lo sguardo duro
e scruta il cielo con la mascella serrata.
Quando cade la neve
ci si chiude in casa,
nel camino si consuma il legno
tagliato a misura d’estate
e accatastato nel ripostiglio protetto.
 .
Darà vino asprigno con sapori di zolfo
quest’uva che non vuol maturare.
Ma la gente di qui non se ne preoccupa.
Sono secoli che beve vino asprigno con sapori di zolfo.
La gente qui ha lo sguardo duro
e sfida il cielo con la mascella serrata.
Sono quadrate qui le mascelle, uomini e donne.
Sono facce scolpite nel legno
nei lunghi inverni davanti al camino.
Sono facce che sanno del fango
quando scende dalle colline brumose.
 .
Arriva la sera col fieno sopra la testa
per il mangiar dei conigli, il trogolo per il maiale,
il vitello che scalcia nella stalla impaziente.
A cena il tavolo vicino al camino
che fa luce fioca su sedie di paglia
abitate da facce con mascelle quadrate
lo sguardo fisso per una preghiera,
la minestra che fuma nella scodella.
 
Torna l’alba per andare nei campi,
la zappa e la vanga per l’orto,
i buoi a tirare l’aratro, il vomere che scava la terra,
e ancora, alla semina, metterla incinta.
Le facce scolpite nel legno scrutano il cielo
senza un lamento perché tutto è già scritto
e non ci si può fare niente.
 
Sale la bruma dalle colline,
attacca i filari di vite nel fango
ne sconvolge i sapori,
fa asprigni i filari dell’uva.
Ma la gente di qui non se ne preoccupa.
Sono secoli che qui la gente
beve vino asprigno con sapori di zolfo.

Lorenzo Poggi

Published in: on marzo 19, 2014 at 07:00  Comments (9)  

Riempilo d’amore

LLÉNALO DE AMOR

Siempre que haya un hueco en tu vida,
llénalo de amor.
Adolescente, joven, viejo:
siempre que haya un hueco en tu vida,
llénalo de amor.
En cuanto sepas que tienes delante de ti un tiempo baldío,
ve a buscar al amor.
No pienses: “Sufriré”.
No pienses: “Me engañarán”.
No pienses: “Dudaré”.
Ve, simplemente, diáfanamente, regocijadamente,
en busca del amor.
¿Qué índole de amor?
No importa.
Todo amor está lleno de excelencia y de nobleza.
Ama como puedas, ama a quien puedas, ama todo lo que puedas…
pero ama siempre.
No te preocupes de la finalidad de tu amor.
Él lleva en sí mismo su finalidad.
No te juzgues incompleto porque no responden a tus ternuras:
el amor lleva en sí su propia plenitud.

Siempre que haya un hueco en tu vida,
llénalo de amor.

.

§

.

Sempre quando c’è un vuoto nella tua vita,

riempilo d’amore.
Adolescente, giovane, vecchio:
sempre quando c’è un vuoto nella tua vita,
riempilo d’amore.
E quando saprai di aver davanti a te un periodo vano,
vai a cercare amore.
Non pensare: Soffrirò.
Non pensare: Mi ingannerà
Non pensare: Dubiterò.
Vai, semplicemente, diafanamente, gioiosamente,
alla ricerca dell’amore.
Che indole di amore?
Non importa.
Ogni amore è pieno di eccellenza e di nobiltà.
Ama come puoi, ama chi puoi,
ama tutto ciò che puoi…però ama sempre.
Non preoccuparti della finalità del tuo amore.
Esso porta con sè la sua finalità.
Non considerarlo incompleto perchè non trovi risposta alla tua tenerezza;
l’amore porta con sè la propria compiutezza.
Sempre quando c’è un vuoto nella tua vita,
riempilo d’amore.
.
AMADO NERVO
Published in: on marzo 19, 2014 at 06:54  Comments (3)