Si offendono le nuvole

Gatti di Camogli

Si offendono le nuvole
oggi di maggio
cupe sul promontorio
E Portofino bassa
s’inquadra
inalterata
di gabbiani di sempre
urlanti
come infanti
in vana attesa
di nanna
Il filo d’orizzonte
confuso
spinge
il poeta
a navigare
per lidi antichi
in speranza
Barche colorate
sanno di fango
alghe e mare
Gatti di Camogli
lasciano orme
sole
e reti lasciate
colgono sassi

Viene voglia
di indossare ombrello
e nuotare
nuotare
nuotare

Tinti Baldini

Published in: on maggio 9, 2014 at 07:46  Comments (22)  

La mia donna

Il suono del silenzio
brillava nei tuoi occhi
che dolci ma seri
nell’amore
m’insegnavano la vita.
Attraverso il tuo esser donna
carpivo l’infinito
in una settima diminuita.

Sandro Orlandi

Published in: on maggio 9, 2014 at 07:36  Comments (14)  

Amando l’amore

Senza parlar del come,

senza pensare al poi,

senza chiederci fama o nome,

qui, amando l’amore,

tu e io ci guardiamo.

 

AKIKO YOSANO

Published in: on maggio 9, 2014 at 07:29  Comments (3)  

La sera affollata

la sera affollata dalle abitudini di sempre.
la cioccolata calda, la sigaretta accesa.
la cartella degli appunti sul letto. il romanzo
da leggere sino allo stremo.
e semmai s’arrenda l’insonnia, la presa allenti
dalle palpebre incollate al pensier tuo. di quel tempo
in cui mi addormentavo serenamente.
senza temere il buio. i tristi pensieri. di non trovarti
accanto al mio risveglio.

guardandoti negli occhi ancora sognanti
mi rivelava la tua luce il cuore nascosto dell’alba.

Anileda Xeka

Published in: on maggio 9, 2014 at 06:59  Comments (4)  

Sentire

sento il tuo grido
l’odore della tua pelle
sotto questo crepuscolo
che sa di schiuma e niente

scemano i ricordi del mio vissuto
in questo tempo nuovo
che mi travaglia e nel mio
che muto sempre non emette suono

nel suo cammino incerto
non trovo il mitigar in ora lieta
ricerco un colorito tono
per risentirlo nel suo intenso accento

Il Passero

Published in: on maggio 9, 2014 at 06:57  Comments (26)