Consapevole

 
Si guarda nel buio, nell’attesa di una luce.
Si sputa fiele, per gustare il vero miele.
Si tocca un fondo per risalire
Si ode il pianto, dove origina il sorriso.
Si odora sterco, dove germogliano profumi.
 
Perfino il cessare di un presente
è dovuto alla vita, oltre ogni bene
e vivere è bello, anche di questo.
 
Oggi non lo trovo lo scrivente al triste.

Giampietro Calotti C.

Published in: on giugno 5, 2014 at 07:46  Comments (7)  

Ti regalo una spiga di grano

 
Ti regalo una spiga di grano
frantumata nella coppa
della mano a forma di cuore
e sostanza di nettare caldo, lucente
tienila cara, carezzala
non gettarla via
scaldala
rendila dolce, fragrante
come morso di semplice pane
e bevila come sorso di tenero amore.

Roberta Bagnoli

Poesia finalista al 1° Concorso Internazionale Il Saggio Auletta-Terra Nostra

Published in: on giugno 5, 2014 at 07:40  Comments (9)  

Un mélange

 
Ritornare per poi partire
ancora di nuovo sempre
in questo mio sconosciuto
ma riprendo il senso
in qualcosa che ritrovo

nell’odore di una cucina
nel piatto che sa di buono
in tutti quei sapori della mia terra
ricchi e grassi

che riempiono il mio sentire

il mio piacere è un fumo un odore
che sa di te

che sa di me

in una crêpe in una quiche lorraine
in un bollito in un tortellino

che buoni sapori

san di te san di me
ils sont un mélange d’amour

Il Passero

Published in: on giugno 5, 2014 at 07:26  Comments (13)  

Core ‘ngrato

Catarì, Catarì…
pecchè mm”e ddice sti pparole amare?!
Pecchè mme parle e ‘o core mme turmiente Catarì’?!
Nun te scurdà ca t’aggio dato ‘o core, Catarì…
Nun te scurdà…
Catarì…
Catarì, che vène a dicere
stu pparlà ca mme dà spàseme?
Tu nun ce pienze a stu dulore mio?!
Tu nun ce pienze, tu nun te ne cure…

Core, core ‘ngrato…
T’è pigliato ‘a vita mia!
Tutto è passato…
e nun ce pienze cchiù

Catarì, Catarì…
tu nun ‘o ssaje ca fino e ‘int’a na chiesa
io sò’ trasuto e aggiu pregato a Dio, Catarì…
E ll’aggio ditto pure a ‘o cunfessore: “Io stò’ a murì
pè chella llà…
Stò a suffrì
stò a suffrì nun se pò credere…
stò a suffrì tutte li strazie…”
E ‘o cunfessore, ch’è perzona santa
mm’ha ditto: “Figliu mio làssala stà, làssala stà!…”

Core, core ‘ngrato…
T’è pigliato ‘a vita mia!
Tutto è passato…
e nun ce pienze cchiù

ALESSANDRO SISCA

)

Published in: on giugno 5, 2014 at 07:13  Comments (5)  

Se questo giorno

.

Se questo giorno

Fosse l’ unico giorno

Dato ancora al mondo

Forse allora ti amerei

Senza riserve

Senza trattenermi

Da te correrei

Ma tu chi sei chi sei chi sei

Se questo giorno lo sapesse

Chiamerei a raccolta

Tutti i sensi tutti i pensieri

Li porrei nel cesto del cyore

E ne farei un dono per te

Se questo giorno

Fosse quel giorno

Incrocerei tutte le sirene

E le stelle comete nel buio

Cielo e mare sarebbero la mia pelle

E respiro di cose preziose

Di perle e di sabbia

Di stelle e di nuvole

Di lucciole in un campo di grano

Gli annunci fugaci e perenni

Di amore

Risuonerebbero nel mondo

Se questo giorno

Fosse l’ ultimo giorno

Impazziremmo tutti di amore

.

azzurrabianca

Published in: on giugno 5, 2014 at 07:01  Comments (9)  

Voglio restare

a guardare
le nuvole
quelle gravide di pioggia
tornanti di subbuglio

Ne percepisco
sapore umido
in bocca e sulla pelle
suono di tremiti sopiti
chiamata di voci del mare
parole di venti
sospiri in amore
scroscio di fontana
purifica

Non sento corpo
solo cielo

Tinti Baldini

Published in: on giugno 5, 2014 at 06:55  Comments (14)