Capovolta guardo

un mondo lontano
che si avvicina
riflettono gli occhi
colori di visioni
passate tuttora vive
domando chi sono
la risposta è tra le stelle…

Antonietta Ursitti

Published in: on ottobre 21, 2014 at 07:34  Comments (4)  

Isole

Ecco che si staglia
lontano viva
isola immensa
di rocce e laghi
fiori e roveti
lucente in ombre:
è il passato che
ci sta accanto
e naviga
disperso o nitido.

Dall’altro mare
sfumata un’altra
isola
senza forma
pezzo di terra
sull’azzurro
morbida materia
da plasmare
colorata di vento
ed è il poi.

Nel mezzo eccoci
tirati a tirare
mossi dall’una all’altra
senza posa
di mille facce
e in mille sentimenti
avvolti.

Diventiamo sola isola
se ci fermiamo
a nuotare dentro
con le ali.

Tinti Baldini

Published in: on ottobre 21, 2014 at 07:32  Comments (8)  

Notte di luna

Stanotte il mio canto è sincero.
Un lieve sorriso di luna
ha vinto quell’ultima nube,
e come pudìca carezza
discreto si accosta sfiorando
i tuoi seni bianchi di seta.
Non puoi non averla sentita
quell’anima stesa al tuo fianco,
non può non averti raggiunto
quel gemito caldo d’amore.
E’ un umile dono prezioso,
il grido di un’anima nuda
che ha perso ogni vana parola
e t’offre un silenzio di luna.

Fabio Sangiorgio

Published in: on ottobre 21, 2014 at 07:24  Comments (3)  

Come quando dolore e fastidio

Ad un osso rotto di netto da tempo
Si fanno sentire quando l’odore
Della pioggia ancora lontana li invade:
Non lo sai più riconoscere
Ma un istinto primitivo
Sfoga la rabbia di non saper più dare
A questo sentimento un nome
Sulla fragile cicatrice bianca

A me così fa male il cuore – da lì
Parte il dolore – senza un apparente
Motivo – ed arriva al nervo da lui più lontano

Ogni volta che il brontolio prende fiato
Sembra di vedere il sole ritornare –
Nel Silenzio non posso che sperare
E dico: «Vedi sta passando»

Invece quei sussulti diventano
Una risata malefica
Un urlo stridulo
E arrivano profondi

Nicole Marchesin

Published in: on ottobre 21, 2014 at 07:21  Lascia un commento  

Ottobre

L’estate si trascina
i cardi inariditi
e la mosca pusillanime,
le strade sparse di paglia,
il vuoto alle finestre,
il prezzemolo verde ancora
e il garofano nei vasi
ora che Ottobre s’impone.
Ottobre è là: quella nuvola nera
attesa sulla collina
piegata dai tocchi della sera.

ROCCO SCOTELLARO

Published in: on ottobre 21, 2014 at 06:54  Comments (2)