Smarrire i ricordi

Come potrei campar senza i ricordi,
accettare che un dì l’abbia smarriti,
chiuder la porta ai miei rincrescimenti,
alle piccole gioie, ai tanti affanni avuti,
cercarli ed accettar che son perduti.

Come potrei veder l’armadio vuoto
d’una memoria che mi allieta il cuore
dove mi affaccio fiacco in certi giorni
dove lo spirito si carica e rinfranca,
in tutti quelli in cui il dolore arranca.

L’acqua al mattino arriva fresca e pura
il viso lava, tonifica i pensieri,
qualche lacrima offusca, la confonde
in un lavacro che poi asciuga il vento,
che il sol riporta dopo che s’é spento.

In questo affanno che mi copre tutto,
come pietre d’un vecchio casolare,
dentro i poderi a ricordar fatiche
e visi allegri un giorno sul tratturo
che a ricordar mi rende meno duro.

E più ripenso e più li cerco, invano,
vo’ via con il vento come le morte foglie,
scavo nei sogni e par che m’allontano
ma invece la memoria li raccoglie
come raggi sul mar ritornano splendenti
questi ricordi son vividi e presenti.

Salvatore Armando Santoro

Published in: on gennaio 1, 2015 at 07:47  Comments (6)  

Assenza

Voci di trasparenze inviolate
un pulsare latente
oltre ciò che sta fuori
Nel senno di poi avrei detto

-Era scritto –

parole appese ad un filo
le tue, le mie

il sole ombreggia il ricordo
ho un sentore di passi
in quest’afa che scolora l’assenza

astrofelia franca donà

Published in: on gennaio 1, 2015 at 07:38  Comments (5)  

Il divorzio

Scimmia curiosa, quando l’uomo ha voglia,
a volte, di cambiar la propria moglie.
Ma è già a riposo, in abito disfatto
dal declino incipiente che esorcizza
solo con i bordelli e gli stravizi.

Se “un migliore”, per lui, ha sovvertito,
le regole del gioco, il consentito
nella “sua società”, ora anche Lui
attirato vuole cambiar vestito.

Condanna? Infatti spunta come un fungo
all’improvviso, dopo un acquazzone,
l’alibi: quel ricercar l’identità
smarrita . . . contrastata . . . una conquista
di un’altra donna da sposar di nuovo . . .
possibilmente con vent’anni in meno,
molto più giovane (una sfida col sé):
FREUD si rivolterebbe nella tomba
di pietra e riderebbe, sganasciando.

Ora la propria donna è lisa, troppo
cotta, carezze e tenerezze troppo
ha dato: ai figli ora adulti insieme
a “lui” han superato ore tristi,
ore allegre, le solite amarezze.
Ora non “serve” più, cambiando vita.

E vola, vola e va per altri lidi,
godendo ciò che può e fino a quando
si accorgerà d’esser rimasto solo.
Se nasce un altro figlio fa da nonno,
mentre i giovani, squali, stanno attorno
alla neo moglie-bimba e, se va bene,
aspettano che muoia.

Paolo Santangelo

Published in: on gennaio 1, 2015 at 07:34  Comments (4)  

Io che amo l’alba così tanto

Io che amo l’alba così tanto

e come fata sempre attendo,

davvero questa volta non la cerco.

 

È notte da salvare tutta

con ombre che non fanno alcun rumore

e calma per l’introspezione.

 

L’ingenuità il cuor presto sgroviglia.

È tempo di guardarmi dentro

per cogliere frammenti di bellezza.

 

È notte di ricordi vivi

con mille gote da toccar con mano,

sorrisi per fermare l’ora.

 

Aurelio Zucchi

Published in: on gennaio 1, 2015 at 07:33  Comments (5)  

‘O surdato ‘nnammurato

Staje luntana da stu core,
a te volo cu ‘o penziero
niente voglio e niente spero
ca tenerte sempe affianco a me!
Si’ sicura ‘e chist’ammore
comm’je so’ sicuro ‘e te…

Oje vita, oje vita mia
oje core ‘e chistu core
si’ stata ‘o primmo ammore
e ‘o primmo e ll’urdemo sarraje pe’ me!

Quanta notte nun te veco,
nun te sento ‘int’a sti bbracce,
nun te vaso chesta faccia,
nun t’astregno forte ‘mbraccio a mme.
Ma scetannome ‘a sti suonne,
mme faje chiagnere pe’ te…

Oje vita, oje vita mia
oje core ‘e chistu core
si’ stata ‘o primmo ammore
e ‘o primmo e ll’urdemo sarraje pe’ mme!

Scrive sempe e sta’ cuntenta:
io nun penzo che a te sola
Nu penziero me cunzola,
ca tu pienze sulamente a mme.
‘A cchiù bella ‘e tutt’e bbelle,
nun è maje cchiù bella ‘e te…

Oje vita, oje vita mia
oje core ‘e chistu core
si’ stata ‘o primmo ammore
e ‘o primmo e ll’urdemo sarraje pe’ mme!

ANIELLO CALIFANO

Published in: on gennaio 1, 2015 at 06:50  Comments (4)