Persa

Traballante nell’incoscienza,
zoppicante tra luci abbaglianti,
con fervore lievi ferite
di dinastie disordinate.
Gareggiano tra i balli
lividi divampanti di passi;
echeggiano tra rumori
di musica
galleggiante nel cuore.
All’improvviso
il buio negli occhi
varco la dimenticanza,
nell’oblio
trasuda la malinconia
di una bufera di vergogna.
Accascio tra i sogni confusi
lievi paure di non accettare
le sommosse dell’anima
e inarco nel ricordo
la freccia avvelenata
di una sera.

Glò

Published in: on gennaio 3, 2015 at 07:36  Comments (2)  

Otto ciclisti con i candelieri

ÒT ZICLÉSSTA COI CANDLÎR

Zirudèla a Granarôl
dóvv as cånta un mócc’ ed fôl:
grâzie a té Cooperatîva
dal Spetàcuel espresîva!

Da zéncv ân Lanbért di Lôd,
ch’an i pièz par gnínta al brôd,
al s prupånn un bèl cuncåurs
dialetèl, vzén a Vigåurs.

Mé a partézip cån piazair
tgnand in man socuanti pair
e a m arâp anc só pr al spèc’
pr an dvintèr briza un brótt vèc’.

La matéina di óng’ d agåsst,
un pôc prémma dal nôv måsst,
cån P.C., lèpis e bîro
a taché a guardèr in gîro
e am vdé grénza la grugnîra
stand in pî dnanz ala spcîra
par scaldèr la mî memòria
e inventèr luzänta stòria.

Arivè int al dåpp-megdé,
dåu cantè sî bâl e un tè,
bèli åur pasè in delézzia
biasugànd sugamiclézzia,
prèst vî in viàg argiong la Spâgna
o fôrsi anc la Gran Britâgna,
pò zveltéssum già int l Egétt
e int al Nîl nûd a cufétt.

D còti e crûdi a in srêv da dîr,
d òt zicléssta coi candlîr
ch’i se zbâfn arzói d ninén
quéng’ pî a mói däntr int al vén.

E a tant èter, ch’an dégg pió,
a päns qué, e ala virtó
che incû schèrsa la s artrôva:
an vén ?à pió gnanc la piôva,
äl stazan i s én guastè,
t an pû andèr pió int al marchè
par cunprèr un pô d vardûra
parché t vè in bulatta dûra!

Tangentopoli e amazèr,
mâfia e drôga, såul sfrutèr?
L’é åura ed dîr a stäl parsån
ch’is in vâghen in pensiån,
pò pr an èser di minción
an stèr mai a man zbindlón:
uràcc’ drétti e ûc’ ed travérs,
pr an ciapèr di zmanarvérs!

Già int na spiâgia riservè
dóvv spanzèrs trî chíllo ed glè,
sóppa inglaiza e biscutén
adacuè cån zócc ed vén,
a spêr vîver nôt ed glòria
in cunzêrt par la vitòria!

Lé cantèr äl mî poezî
ala giant, zänt o ventsî,
e ascultèr i limalén
ch’i pasàggen libertén
ala zairca d na fritèla…
toc e dai la zirudèla!

§

Zirudella a Granarolo
dove si conta un mucchio di fole:
grazie a te Cooperativa
dello Spettacolo espressiva!

Da cinque anni Lamberto Lodi,
che non ama tanto il brodo,
ci propone un bel concorso
dialettale, vicino a Vigorso.

Io partecipo con piacere
tenendo in mano alcune pere
e mi arrampico anche su per lo specchio
per non diventare un brutto vecchio.

La mattina dell’undici agosto,
un poco prima del nuovo mosto,
con P.C., lapis e biro
cominciai a guardare in giro
e mi vidi il viso avvizzito
stando in piedi alla specchiera
per scaldare la mia memoria
e inventare lucente storia.

Arrivato al pomeriggio,
due cantate sei balli e un tè,
belle ore passate in delizia
masticando liquerizia, 
presto via in viaggio raggiungo la Spagna
o forse anche la Gran Bretagna,
poi sveltissimo giù nell’Egitto
e nel Nilo nudo a capofitto.

Di cotte e crude ce ne sarebbe da dire,
d’otto ciclisti con i candelieri
che si sbafano ritagli di maiale
quindici piedi a bagno dentro il vino.

E a tanti altri, che non dico più,
penso qui, e alla virtù
che oggi scarsa si ritrova:
non vien più giù manco la pioggia,
le stagioni si sono guastate,
non puoi più andare al mercato
per comprare un po’ di verdura
perché vai in bolletta dura!

Tangentopoli e ammazzare,
mafia e droga, solo sfruttare?
È ora di dire a queste persone
che se ne vadano in pensione,
e per non essere dei minchioni
non stare mai mani a penzoloni:
orecchie dritte e occhi di traverso,
per non prendere dei manrovesci!

Giù in una spiaggia riservata
dove spanciarsi tre chili di gelato,
zuppa inglese e biscottini
innaffiati con fiaschi di vino,
spero viver note di gloria
in concerto per la vittoria!

Lì cantare le mie poesie
alla gente, cento o ventisei,
e ascoltare gli animalini
che passeggian libertini
alla ricerca di una frittella…
toc e dai la zirudella!

Sandro Sermenghi

Published in: on gennaio 3, 2015 at 07:24  Comments (2)  

Gatto che giochi per via

Gato que brincas na rua
Como se fosse na cama,
Invejo a sorte que é tua
Porque nem sorte se chama.

Bom servo das leis fatais
Que regem pedras e gentes,
Que tens instintos gerais
E sentes só o que sentes.

És feliz porque és assim,
Todo o nada que és é teu.
Eu vejo-me e estou sem mim,
Conheço-me e não sou eu.

§

Gatto che giochi per via
come se fosse il tuo letto,
invidio la sorte che è tua,
ché neppur sorte si chiama.

Buon servo di leggi fatali
che reggono i sassi e le genti,
hai istinti generali,
senti solo quel che senti;

sei felice perché sei come sei,
il tuo nulla è tutto tuo.
Io mi vedo e non mi ho,
mi conosco, e non sono io.

FERNANDO PESSOA

Published in: on gennaio 3, 2015 at 07:07  Comments (3)  

Il peso dello sguardo

Pesodellosguardo

Ora,
altrove,
ultimo sulla strada,
vetro spezzato del dolore sottopelle,
contro i muri osservo …
ciò che vediamo non ha prezzo nel biglietto di viaggio …
dove non m’ha trasparenza
il peso dello sguardo.

Enrico Tartagni

Published in: on gennaio 3, 2015 at 07:05  Comments (1)  

Scelte

Quando la megalomania impera

non c’è verso di farli ragionare.

Non si preoccupano di sanare

una realtà che sempre è più nera.

 

L’Italia è travolta da una bufera

di crolli, smottamenti, fiumare,

disastri che vanno a cancellare

lavoro e speme d’una vita intera.

 

I disastrati sono abbandonati:

“Non vi lasceremo soli”, promessa

di cui si sono subito scordati.

 

Un diverso obiettivo l’interessa:

le grandi opere per gli ammanicati.

E le olimpiadi? Stessa premessa.

Umberto Marinello

Published in: on gennaio 3, 2015 at 06:58  Comments (3)