Davanti il Castelvecchio di Verona

Tal mormoravi possente e rapido
sotto i romani ponti, o verde Adige,
brillando dal limpido gorgo,
la tua scorrente canzone al sole,

quando Odoacre dinanzi a l’impeto
di Teodorico cesse, e tra l’erulo
eccidio passavan su i carri
diritte e bionde le donne amàle

entro la bella Verona, odinici
carmi intonando: raccolta al vescovo
intorno, l’italica plebe
sporgea la croce supplice a’ Goti.

Tale da i monti di neve rigidi,
ne la diffusa letizia argentea
del placido verno, o fuggente
infaticato, mormori e vai

sotto il merlato ponte scaligero,
tra nere moli, tra squallidi alberi,
a i colli sereni, a le torri,
onde abbrunate piangon le insegne

il ritornante giorno funereo
del primo eletto re da l’Italia
francata: tu, Adige, canti
la tua scorrente canzone al sole.

Anch’io, bel fiume, canto: e il mio cantico
nel picciol verso raccoglie i secoli,
e il cuore al pensiero balzando
segue la strofe che sorge e trema.

Ma la mia strofe vanirà torbida
ne gli anni: eterno poeta, o Adige,
tu ancor tra le sparse macerie
di questi colli turriti, quando

su le rovine de la basilica
di Zeno al sole sibili il còlubro,
ancor canterai nel deserto
i tedi insonni de l’infinito.

GIOSUE’ CARDUCCI

Published in: on gennaio 5, 2015 at 07:43  Comments (5)  

Per te

La tua presa è salda
sulla mia friabile anima d’autunno.
Con faticosa urgenza d’affetto
riempi i miei vuoti di concreti motivi
e sopporti di due vite i macigni.
Con unghie di madre e denti di tigre
difendi l’amore, e con sorriso di tenero angelo
dall’ombra dell’abitudine uscito.
Nel fondo della notte trovi ogni mio respiro
e con mantice di antica brama gioiosa
tieni alta questa breve fiammella di marzo.
Nomi e fantasmi allontani con potenza di mago
e terra prepari per nuovi giardini.
In questo viale di spogli alberi grigi
per te, e per te sola porto gemme di melo.

Massimo Reggiani

Published in: on gennaio 5, 2015 at 07:31  Comments (11)  

Un po’ di tempo

Lasciami ancora un po’ di tempo.
Quello di un fiore
che si apre al mattino
e chiude gli occhi alla sera.

Concedimi ancora un attimo.
Un batter di ciglia
per ricacciare dentro
le lacrime di un tempo.

Lasciami ancora un secondo.
Per togliere le incrostazioni
di un ieri ancora troppo vicino
tanto da impedire
di pronunciare la parola futuro.

Poi, rinnovata, sarò luminosa.
Per i tuoi occhi
che han atteso fiduciosi.

Sandra Greggio

Published in: on gennaio 5, 2015 at 07:06  Comments (8)  

Questa è la mia decisione

restare sola sulla spiaggia
in un agosto torrido
sotto il solleone.
aspettare il buio,
per spegnere del tutto
ogni luce di posizione,
mandare al diavolo
quell’unica maledetta
lampadina accesa.
questa è la mia decisione.
quindi lasciatemi
aspettare la notte
e fatemi spogliare:
mi tufferò nuda, nell’acqua
soltanto quando il mare
potrà rendermi il calore.

Michela Turchi

Published in: on gennaio 5, 2015 at 07:04  Comments (4)  

Martani

Novembre ci riporta ai monti, dove

dolci sentieri olezzan d’Elicriso

e di Timo Serpillo; e i nostri sguardi,

vagando intorno fino all’orizzonte,

fluttuan beati nell’aere cilestrino.

 

E’ natura in tripudio, ed i colori

divampano più fulvi sotto il sole.

Violando il folto della macchia, un raggio

indiscreto s’insinua, al suo passaggio

d’autunno infiamma le vesti d’ocra e d’oro.

 

Ecco, laggiù, si stende la vallata

languida nel torpore mattutino;

sommersa da una coltre di vapore

biancastro, come alito di drago

ha tra le fauci il borgo addormentato.

 

Affiora in trasparenza, come in sogno

la spettrale sequenza delle case

là dove il quotidiano si consuma

tra i tanti affanni e le rare gioie

di questa vita. Sfocata visione!

 

E’ bello rinfrescarsi alla sorgente

che zampilla ridente e cristallina

mentre il paffuto granchio d’acqua dolce

arretra sforbiciando le sue chele

in un messaggio di purezza muto.

 

Poi   quando Sera dolcemente scende

a incendiare   Occidente, tra i bagliori

nere si staglian le sagome del bosco

alte, chiomate, filiformi, …ritte

tranquille, arrese all’incipiente Buio.

Viviana Santandrea

Published in: on gennaio 5, 2015 at 07:02  Comments (4)