Vecchia gelosia

in un cielo stanco
4 stelle solitarie
baciano
sui corni
sul ventre
e sulla gobba (a levante)
la luna calante
sbiadita:
labbra stellari
non possono cancellare
le rughe
di giallo antico
cementato
dal vento del ricordo

Giovanni De Simone

Published in: on aprile 27, 2015 at 07:35  Comments (11)  

Segretamente di notte

HEIMLICH ZUR NACHT

Ich habe dich gewählt
Unter allen Sternen.

Und ich bin wach – eine lauschende Blume
Im summenden Laub.

Unsere Lippen wollen Honig bereiten,
Unsere schimmernden Nächte sind aufgeblüht.

An den seeligen Glanz deines Leibes
zündet mein Herz seine Himmel an –

Alle meine Träume hängen an deinem Golde,
Ich habe dich gewählt unter allen Sternen.

§

Ho scelto te
Tra tutte le stelle

Sono sveglia – fiore in ascolto
Nel fogliame ronzante

Le nostre labbra stilleranno miele,
Le nostre notti scintillanti sono sbocciate.

Al beato splendore del tuo corpo
Il mio cuore accende i suoi cieli

Dal tuo oro pende ogni mio sogno,
Ho scelto te tra tutte le stelle.

ELSE LASKER-SCHÜLER

Published in: on aprile 27, 2015 at 07:20  Comments (4)  

Dov’è quel tempo certo?

Tempo certo

Quando l’angolo di terra

sposo di quattro mura

di glicine s’abbelliva,              

era primavera;

quando lassù nel cielo

ampia l’allodola volava

cercando dove porre il nido,

era primavera;

quando gli sterpi stanchi

e ancor col capo chino

s’ingioiellavano di gemme,

sempre era primavera.

Allora dotto il contadino  

presto sfrondava il melo

e sognando l’abbondanza

spillava il vin novello.  

Oggi ritardano le rondini

seguendo altre vie,

la terra brucia di sete

o affoga nel suo pianto

e i fiori nascono nel gelo.

Da diversi geni afflitti

nel troppo fruttar costretti

s’ammalano gli alberi

e nell’innato impollinare

di veleni muoiono le api.

Dov’è quel tempo certo?

E’ zoppo l’inceder di stagioni

e colto il contadino

ruba copiosità al Divino…

ma più non sa quand’è primavera.

 

Alberto Baroni

Published in: on aprile 27, 2015 at 07:09  Comments (12)  

Mi piace

Mi piace chi vive per continuare quest’opera stupenda che è la vita.

     Chi ha l’animo sereno e, anziano dona ancora un sorriso.

     Chi rispetta le cose degli altri come fossero sue.

Mi piace chi aiuta e basta.

Chi si fa rispettare rispettando gli altri.

     Chi ama gli animali in quanto tali.

Mi piace la passione politica, quella che alimenta la democrazia.

Chi vive per operare e non lavora solo per vivere.

     Chi crea sogni e ogni tanto si ricorda di poggiarli a terra.

Mi piace chi si rende conto di essere un uomo nell’immensità del creato.

              Chi nel bisogno si lascia prendere per mano e continua.

     Chi giudica, ma prima studia la parte dell’accusato.

Mi piace il Maestro che porta pensieri nuovi, insegni a far vivere Idee diverse.

     Chi accetta con dignità una colpa riconosciuta.

              Chi cerca serenità e non nasconde i conflitti tra la polvere del tempo.

Mi piace chi non lascia Debiti ai figli e nipoti. In tutti, trovo solo Crediti acquisiti.

 

               Ma possibile che l’unico coglione pieno di debiti, sia proprio io?

 

Giampietro Calotti C.

Published in: on aprile 27, 2015 at 06:58  Comments (23)  

Tema

Vivere senza tema

affidarsi all’istinto

nella scelta tra l’essere

o non essere in tema

e mai darsi per vinto

sfidando ogni anatema

danzare sopra il rigo

con tre semplici note:

“Variazioni sul tema”

 

Viviana Santandrea

Published in: on aprile 27, 2015 at 06:54  Comments (10)