Dormono l’acque

Dormono l’acque ne ‘l plenilunio di giugno;

ritte su da la darsena le antenne stan
come sottili fantasimi a ‘l nivëo chiarore.
Via co ‘l grecale tacito navigan le nubi a fiocchi,
migrano placidi gli sciami de’ sogni
Non senti, o Lalla, il divino odor de ‘l mare?
Non odi?
le acque destate un fremito recano lungo;
su ‘l vento palpita un’ala di canto.
Stanotte le sirene danzano a la luna;
danzano, Lalla, e il canto
– O giovini a cui ne ‘l vivo cuor,
ne le arterie tripudiano i giugni odorosi, prono è il mar,
la notte è bella: amate! – susurra.
Bianche le nubi perdonsi via pe’ silenzî,
migrano placidi gli sciami de’ sogni.
Non senti, o Lalla, il divino odor de ‘l mare?
 .
GABRIELE D’ANNUNZIO
Published in: on luglio 1, 2015 at 07:08  Comments (1)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2015/07/01/dormono-lacque/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. Grazie Massimo ..grazie Gabriele

    ggc


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: