Fantasia

Pigliammoce sta vita cumme vene,
llassammo for’ ‘a porta ‘a pucundria,
mparammece a campà c’ ‘a fantasia:
nce sta cosa cchiù bella pè campà?

‘A fantasia se sceta ogne matina
comme si fosse prencepe rignante,
affonna ‘e mane aperte int’ ‘e brillante
e nun s’ ‘e ppiglia: che s’ ‘e ppiglia a ffa?

E che curredo tene! Nu mantello
ca luce cchiù d”o sole e nun è d’oro;
quanno se mena ncuollo stu tesoro,
abbaglia ‘a vista: nun se può guardà.

Pò tene nu relogio cumpiacente,
cu sissanta minute d’allegria,
mmiez’ ‘o quarante liegge: FANTASIA

e fa tà-tì, tà-tì, nun fa tì-tà…

EDUARDO DE FILIPPO

Published in: on luglio 10, 2015 at 07:36  Comments (2)  

Ancora vedo…

Chiudo gli occhi
e vedo il mare…..
Nell’azzurra e apparente
indifferenza
si specchiano i miei occhi
e la tua anima….

Beatrice Zanini

Published in: on luglio 10, 2015 at 07:33  Comments (2)  

Rime chiocce

A Renzi morderei la cuticagna,

non per saper chi è ma per dispetto.

Egli è dannoso più della gramigna,

così nel cerchio nono ce lo metto.

 

I postulati giusti egli ha tradito,

tra i traditor di patria è giusto il posto,

insieme a quei compagni che il suo dito

compiaccionsi tener proprio in quel posto.

 

S’avessi rime chiocce, et aspre molto,

qual sua sentenza io le comporrei:

nel Cocito ghiacciato saria volto

 

e da quel loco più non lo torrei.

Final destinazion sia l’Antenòra,

così le stelle noi godremo ancora.

 

Piero Colonna Romano

Published in: on luglio 10, 2015 at 07:28  Comments (9)  

Un’altra estate e poi

Un’altra estate e poi?

Cosa mai cambierà o è già cambiato

prima e dopo di noi?

 

Qualche nome citato

con tono altisonante

Presidente, Ministro, Alto prelato

 

in sostanza però non cambia niente

vince chi fa fruttare il suo presente

in qualche modo, non importa come

 

-“ora che posso godo”-

Se anche l’altro ci sta, tace e acconsente;

domani si vedrà.

 

Un’altra estate, e noi?

 

Noi bene o male, qui ci si arrabatta

                                   …pochi denari

ma se c’è la salute e un po’ di terra

con pomodori, zucchine e ortaggi vari

anche per oggi si ha la pappa fatta;

 

e ci fan pena i signori della guerra

che per discuter di leggi o economia

non hanno cuore per la poesia.

 

Viviana Santandrea

Published in: on luglio 10, 2015 at 07:23  Comments (1)  

In punta di piedi

attraverso la selva
alberi infiniti guardano
nel sonoro silenzio
farfalle giocano col vento
non temono la grande ombra
possono esprimersi in libertà
sanno di essere capite…

Antonietta Ursitti

Published in: on luglio 10, 2015 at 07:07  Lascia un commento