Ottenebramento

siede sul ciglio dell’alba

la stanca notte vagabonda

sollevando la sua veste

fatta di nere ombre amare

mi guarda sfogliare pagine

recondite del giorno

dove la luna

si addormenta stanca

donna dei miei sogni

-realtà di silenzio smarrito-

millanto la tua bellezza

fantasticando con la luna

solitaria come me

la colpa

di amare oltre l’amore

si chiama

cecità

.

Giovanni De Simone

Published in: on novembre 26, 2015 at 07:35  Comments (10)  

Day-O (The Banana Boat Song)

.
Day-o, day-o
Daylight come and me wan’ go home
Day, me say day, me say day, me say day
Me say day, me say day-o
Daylight come and me wan’ go home

Work all night on a drink of rum
Daylight come and me wan’ go home
Stack banana till de morning come
Daylight come and me wan’ go home

Come, Mister tally man, tally me banana
Daylight come and me wan’ go home
Come, Mister tally man, tally me banana
Daylight come and me wan’ go home

Lift six foot, seven foot, eight foot bunch
Daylight come and me wan’ go home
Six foot, seven foot, eight foot bunch
Daylight come and me wan’ go home

Day, me say day-o
Daylight come and me wan’ go home
Day, me say day, me say day, me say day, me say day, me say day
Daylight come and me wan’ go home

A beautiful bunch o’ ripe banana
Daylight come and me wan’ go home
Hide the deadly black tarantula
Daylight come and me wan’ go home

Lift six foot, seven foot, eight foot bunch
Daylight come and me wan’ go home
Six foot, seven foot, eight foot bunch
Daylight come and me wan’ go home

Day, me say day-o
Daylight come and me wan’ go home
Day, me say day, me say day, me say day…
Daylight come and me wan’ go home

Come, Mister tally man, tally me banana
Daylight come and me wan’ go home
Come, Mister tally man, tally me banana
Daylight come and me wan’ go home

Day-o, day-o
Daylight come and me wan’ go home
Day, me say day, me say day, me say day
Me say day, me say day-o
Daylight come and me wan’ go home

§

 

Giorno-o, giorno-o
L’alba arriva e io voglio andare a casa
Dico giorno, dico giorno, dico giorno,
dico giorno, dico giorno-o
L’alba arriva e io voglio andare a casa

Lavoro tutta la notte con un sorso di rum
L’alba arriva e io voglio andare a casa
Accatasto banane finché fa giorno
L’alba arriva e io voglio andare a casa

Vieni, Signor contabile, contami le banane
L’alba arriva e io voglio andare a casa
Vieni, Signor contabile, contami le banane
L’alba arriva e io voglio andare a casa

Solleva un grappolo di sei piedi, di sette piedi, di otto piedi
L’alba arriva e io voglio andare a casa
Un grappolo di sei piedi, di sette piedi, di otto piedi
L’alba arriva e io voglio andare a casa

Giorno, dico giorno
L’alba arriva e io voglio andare a casa
Giorno, dico giorno, dico giorno, dico giorno, dico giorno, dico giorno
L’alba arriva e io voglio andare a casa

Un bel grappolo di banane mature
L’alba arriva e io voglio andare a casa
Nasconde la mortale tarantola nera
L’alba arriva e io voglio andare a casa

Solleva un grappolo di sei piedi, di sette piedi, di otto piedi
L’alba arriva e io voglio andare a casa
Un grappolo di sei piedi, di sette piedi, di otto piedi
L’alba arriva e io voglio andare a casa

Giorno, dico giorno
L’alba arriva e io voglio andare a casa
Giorno, dico giorno, dico giorno, dico giorno, dico giorno, dico giorno
L’alba arriva e io voglio andare a casa

LORD BURGESS  E  WILLIAM ATTAWAY
Published in: on novembre 26, 2015 at 07:23  Comments (1)  

Dormo in un nido abbandonato

privato del calore, cullato nel dolore.
è una porta chiusa a chiave
un bunker senza amore.

ma in fin dei conti
non ci vivo poi così male!
ascolto il canto delle farfalle,
immagino ghiacciai e amazzonie.

e quando esco dal mio bunker
come un fiore bisognoso
sola, ad implorare la luce del mondo.

Michela Turchi

Published in: on novembre 26, 2015 at 07:07  Comments (2)  

De Amore

A m o r e caro! Mia adrenalina!
Ormai di te così l’idioma mio
non vuol che suggellarsi, in tale sito,
d’allor che quella volta fu primiera
ch’al personal computer mi sorpresi
di rosso ad avvampar come cerasa.

Allor! che d’onestà tu fosti il divus
e l’arte mia amatoria supponesti
financo a immaginarla come vera!!!
Dai versi miei turbato ti spingesti
a dir che la sonata era maggiore
quand’anco s’impazziva di piacere.

In me l’eco risona del tuo verbo
or ora che sublime il sito appare!.
E penso all’iperbolico erotismo,
di psiche, al novello mio piacere,
del mouse, alle carezze delicate,
d'”orgasmo” perpetuato, alla vergogna.

Ed or che fugge a te l’amata “musa”,
che vai pei lochi in quel d’un “labirinto”
rimembra che cantasti di me tanto
dicendo a eccitamento mio “con-vengo”!
Ov’eri, dimmi, al tempo che pulzella
andavo a ricercar l’ardito Amore?

M’avvezza non son io ai canti eccelsi
e più non saprei dir di quell’Amore
per cui tant’ho vagato fino ad ora
per cui ben venga dolce la passione.
A mo’ di chiusa, indi, ultima cosa:
ch’acceso ho di porpora il mio viso!!!

Daniela Procida

Published in: on novembre 26, 2015 at 07:02  Comments (2)  

Strambotto

(strofa siciliana)

Ringrazio sentitamente per l’abbraccio.

Quando ho avuto bisogno – lo so

hai attraversato questa camera – e ciò

ha guarito il malinconico – rosso

umore di non avere uno – slancio

dal mondo – che sa essere – così – grasso.

Ho bisogno di un forte abbraccio;

e di un rombo di luce – azzurro – se posso.

 

(strofa toscana)

Non vedi quando nervosismo respiro;

aliti – sugli autobus e per strada;

tutti che corrono senza respiro;

a mangiare cibo – sporco – per strada;

a correre in palestra – tutti in coro;

a parlare della guerra e della moda

come fossero – proprio – la stessa cosa:

immagini da fissare – in ogni casa. 

 

Giancarlo Giudice

Published in: on novembre 26, 2015 at 06:56  Lascia un commento