Carillon

In un mondo di vetro

immobile incanto

volteggia la neve

e lenta si posa

su abeti e montagne

della musica il canto

pupazzo felice

bambino che gioca

e Babbo Natale

sorride contento

danzando in quel sogno

che induce ricordi

quei fiocchi sul cuore

scemando finiscono

tristezza e rimpianto

pian piano leniscono

e lenta la musica

si affievolirà

Ma una nuova carica

e tutto ricomincerà.

 

Sandro Orlandi

Published in: on dicembre 16, 2015 at 07:03  Comments (2)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2015/12/16/carillon-3/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. mi piace questa poesia con associazione natalizia al carillon chiuso nel suo mondo di vetro; una ricarica per sognare…
    aurelia

  2. Molto bella la tua poesia anche se contiene un tono triste. La
    ricorrenza del Natale é vista nella sua veste realistica.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: