Ho sotterrato pietre

.
Il fiume di questa terra
ha attraversato la mia vita
inondandola di affetti, di amore
e di amicizie,
sentimenti sempre vivi
lasciati ai suoi bordi,
dove fango s’ammucchiava
a rena bianca
abbracciata a canneti assolati
e violati da venti improvvisi.
In quel fiume,
letto di ogni nostro dormire
ho sotterrato pietre di ricordi
svaniti nello scorrere del tempo
che rifiuta le fermate
come di autobus al suo capolinea.
Non ho sotterrato la memoria
che veglia su di me
pegno d’amore
per una vita semplice
dedicata a tutto
piena di niente.
.
Gavino Puggioni
Published in: on febbraio 10, 2016 at 07:46  Comments (6)  

Mi libro nell’aria

in punta di piedi
cerco l’immenso
nuvole di seta
avvolgono i miei passi
strano l’universo all’incontrario
abbraccio un mondo impossibile
possibile impresa appare
appena mi affaccio
sulle verdi colline…

Antonietta Ursitti

Published in: on febbraio 10, 2016 at 07:43  Comments (6)  

Come il prezzemolo la Speranza

Verde come il prezzemolo è la Speranza
un prezzemolo poi che ben oltre travalica
le virtù il sapore dell’odorosa erba medica
culinaria guai se mancasse a quella mensa
nostra dei sogni desideri e illusioni tante
insapore sarebbe lo stanco viver nostro

Giuseppe Gianpaolo Casarini

Published in: on febbraio 10, 2016 at 07:41  Comments (7)  

Non di questo presente

Non di questo presente ora bisogna
vivere – ma in esso sì: non c’è modo,
pare, d’averne un altro, non c’è chiodo
che scacci questo chiodo. Nè a chi sogna

va meglio, che le più volte si infogna
a figurarlo, e fà più groppi al nodo
se cerca di disfarlo (sta nel todo
che si crede nel nada, sempre) o agogna,

ma con che lama? troncarlo. La mente
infortunata non ha altra fortuna,
dunque, che nel pensiero? Certo a niente

più la mia si consola che se in una
deposizione o un offertorio gente
dispersa solennemente s’aduna.

GIOVANNI RABONI

Published in: on febbraio 10, 2016 at 07:34  Comments (2)  

Chi sémo…

‘Na bòccia de passata, du’ spicchi d’ajo,
quattro fòje de sèllero, prezzemolo,
er solito sale, ‘na cipolla, e, a spàjo,
‘na presetta de pepe, e poi côr mestolo

(quelo bbòno de legno), ‘na rimestata.
Ner mentre li borlotti appena scafati
stann’a borbottà, pòi mette ‘na patata,
co in più er rosmarino, che ssò più prelibbàti.

E poi, quann’er borbottìo se fa più intenzo,
viè come da penzà ar popolo itajàno,
che nfra un borbottà e ll’artro, schizza de incenzo
mo’a questo…mo’a quello…a un modo un po’ruffiano

senza mai capì che prima o poi la paga!
ché chiunque sii chi mette, e chi di-mette
è sempre – come dì – un rinnovà la “saga”
(come fa er tivvù che sempre le trasmette).

Ché qui, a ‘sto Paese, come sia, o nun sia,
si uno ‘n pò fregà…’n sarà mai contento…
Ma quanto ce piace – invece – l’alegrìa!
Poi…chi frega è svéjo…E chi borbotta è…spento.

E uguale è quanno te fregheno er penziero
e se intìgneno pe snaturà sto monno
mannànn’avanti er fàrzo – contrari ar vero –
de modo de fà a quarcùno più gioconno.

Se pò solo riaccènnese abbuffànnose
de rabbia e…a riborbottà com’er borlotto
co tutt’er gasse in corpo, libberànnose
co – appresso a lo sfiatamento -…un grosso bòtto!

Armando Bettozzi

Published in: on febbraio 10, 2016 at 06:57  Comments (4)