Dried flowers

Vado e vengo dalla tua nuova casa.

Quella che da sempre è tua, mia,

del vicino, dell’amico, del nemico.

Fiori in acqua.

Acqua dentro i fiori.

-Insieme- prolungato nella terra.

Quanto sfregia questa forma di possesso?

C’è ancora un flebile riflesso

di offrirti da mangiare, da bere,

quasi fosse un nutrimento malsano.

Per la mia o per la tua anima?

“Silenzio e rispetto” leggo

…e perché nei miei occhi

e nel mio fondo c’è tanto rumore?

Siamo tutti in verticale eppure così

terribilmente inginocchati.

In questo deserto secco, piove ancora.

Mi danzi dopra il cuore

come il vento fa tra i miei capelli neri.

 

Lady Rose

Published in: on marzo 31, 2016 at 07:23  Comments (2)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/03/31/dried-flowers/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. bella e amara – amara e bella, per noi, ahimè, verticali ma inginocchiati!

  2. Cara Lady Rose, é da brividi come sai descrivere il dolore e come sai coinvolgere i lettori.
    Giuseppe


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: