Il fiume e la metropoli

una strada d’asfalto torrenziale
che per tenerla a bada
bisogna incatenarsi alle ringhiere
_un respiro di troppo ed è burrasca_
dolgono i polsi
celati nelle maniche di nebbia
e la corrente spiana
rilievi e insenature al mappamondo

Se mi lasciassi andare alle correnti
approderei sugli argini
d’una città nel mare dei sorpassi
_io vivo distanziata da ogni luogo_
sono lo squarcio aperto nella sera
affacciatevi pure: oltre c’è il mondo
di qua soltanto una cernieratempo
inceppata sui margini

Cristina Bove

Published in: on aprile 4, 2016 at 07:38  Comments (2)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/04/04/il-fiume-e-la-metropoli/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. Stupende immagini.
    “una cerniera tempo inceppata sui margini ”
    Giuseppe

  2. Davvero splendida
    Tinti


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: