Ricordi fra umani e oggetti nel tempo

Sento il mio corpo frale e anche la mente,
dunque l’Autunno si è impietosamente
preso in affitto il Vecchio e prepotente
distruggerlo vorrebbe, sto fetente!

Ma dentro la stanzetta l’Io scrivente
attacca una Poesia e diligente
li mette in fila tutti i suoi ricordi,
sia quello di sua vita ormai finita
che la memoria offusca della Donna
che ventun anni prima volò via
notte 6-7 / l /78.

E in portafoglio appare, in comodino:
“12/6/ 72: Mamma,
il vaso si rompe,
la rosa appassisce,
il bene per te mai finisce.
Buon compleanno dalla tua Figliola”.

Poi dentro a un portacarte c’è la foto
di Figlia neonata tutta imbronciata,
non so se piangeva o se sonno aveva!

Poi… tredici di mare sassolini
in salviettina di carta ben racchiusi
del Buffet di Venezia alla Ferrata,
o Ventimiglia; poi… foto mie alcune,
dei genitori Suoi, e miei, e risa.

Poi… voci risento, il ’77,
Bologna quand’Io e Lei, giunti là in piazza,
quei Giovani vedemmo mascherati
sfi/da/re – slo/ga/na/re – sba/rac/ca/re,
bruciare il Tempo e poi… l’odio aumentare:
col Segretario alla Federazione
oceanica assemblea assai vociante!

“Violetta di Parma” e poi… il rossetto
dentro al Suo borsellino e poi… gettoni
per comunicare dall’Ospedale
con Casa. Sconforto, tardo rimpianto
di amor che ricevemmo e abbiam perduto.

Traverso la vetrina ier mattina
tramata dalla brina una tendina
tremante mi diceva la vetrata
stanotte per il gel quasi è crepata!

E or che già settenne è il Nipotino
che non vide la Nonna e ama giocare
a cucco, PC, puzzle, sapientino,
vive anche per Lei sto Vecchio Nonnino,
scrivendo scarse rime di Natale
al nascente Anno Nuovo irrazionale.

Ma c’è chi giura che… sarà speciale!

Sandro Sermenghi

Published in: on aprile 10, 2016 at 07:38  Comments (4)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/04/10/ricordi-fra-umani-e-oggetti-nel-tempo/trackback/

RSS feed for comments on this post.

4 commentiLascia un commento

  1. Molto bella questa poesia, dal ritmo scorrevole come la sabbia di una clessidra e dal tono struggente, come i ricordi di una vita ….complimenti all’autore😀
    Se questo è un blog di poesia collettiva, sarei lieta di partecipare con un mio scritto, buona domenica

    • Grazie per la visita Harielle! Contattami pure al l’indirizzo indicato nel “Disclaimer” (sotto CONTENUTI) e ti darò tutti i dettagli! A presto
      Massimo (blogmaster)

  2. Molto struggente e delicata. Complimenti
    Alberto B.

  3. Come manca il tuo sagace,struggente ,vero ed autentico poetare,caro Sandren!
    tinti


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: